Vito Cannillo in “Passio Jesu Christi Poetica secundum Matthaeum”

Domenica 5 Maggio, presso l’ Abbazia benedettina Madonna della Scala di Noci, il tenore coratino prenderà parte come solista ad una prestigiosa esecuzione musicale in prima assoluta che per molti aspetti ricalca le celeberrime “Passioni” di  J.S. Bach

Vito Cannillo in
Il tenore Vito Cannillo

Domenica 5 Maggio, presso l’ Abbazia benedettina Madonna della Scala di Noci, il tenore coratino Vito Cannillo prenderà parte come solista ad una prestigiosa esecuzione musicale in prima assoluta: “Passio Jesu Christi Poetica secundum Matthaeum”,versificata interamente in lingua latina dall’ eminente prof. Tuomo Pekkanen e musicata per soli, coro e orchestra da Padre Gregorio Santolla, monaco benedettino, allievo del compianto M° P. Anselmo Susca, insigne gregorianista e musicologo, fondatore del centro di musicologia liturgica “La Scala”.

In questa composizione oratoriale che per molti aspetti strutturali ricalca le celeberrime “Passioni” di  J.S. Bach, il tenore Cannillo (premiato in occasione della prima edizione del Premio “Le torri di Corato 2013” targata LO STRADONE) sarà il cronista, parte principale a cui è affidato lo snodo narrativo della vicenda che va dalla congiura dei giudei fino alla sepoltura di Gesù.

Questo monumentale componimento poetico pubblicato nel 2017 dalla Leuven University Press (Università di Lovanio, Belgio) all’interno della collana “Supplementa Humanistica Lovaniensia”, è una delle ultime fatiche letterarie del prof. TuomoPekkanen (16 luglio 1934) latinista finlandese, autore di  letteratura neo – latina, professore emerito all’Università di Jyvaskyla, membro dell’ “Academia latinitati fovendae”, che con le sue opere si è inserito a pieno titolo nella tradizione dei grandi autori del latino umanistico.

Per il tenore Vito Cannillo è una ulteriore, esaltante opportunità di risultare il “creatore” e primo interprete assoluto di una parte vocale che non ha riferimenti esecutivi precedenti, in una carriera più che decennale che vanta numerose riscoperte di musiche del passato dimenticate e mai eseguite in tempi moderni o prime esecuzioni assolute di musiche di compositori contemporanei.

Il concerto, alla presenza del prof. Tuomo Pekkanen, sarà diretto dal compositore P. Gregorio Santolla e vedrà la partecipazione del basso Angelo De Leonardis nel ruolo di Cristo, del coro polifonico Iubilus Scalae Virginis e della prof.ssa Mafalda Baccaro alle tastiere. La revisione dei testi, invece, è stata curata dalla nota poetessa e mistica Cristina di Lagopesole.

.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami