The Den of Tigers Night I, uno spettacolo sul ring

Arti marziali e solidarietà sul ring del Palalosito.

The Den of Tigers Night I a Corato
The Den of Tigers Night I a Corato

Ventotto atleti in gara per quattordici match al cardiopalma nella cornice di un Palalosito gremito. È stato questo lo scenario della prima edizione di The Den of Tigers Night, l’evento organizzato dall’Accademia The Den of Tigers, e patrocinato dalla World Kickboxing Federation e dal Comune di Corato, dedicato alle arti marziali e agli sport da combattimento, tenutosi nella serata di ieri nella città delle quattro torri.

Una manifestazione di sport e solidarietà insieme, promossa non solo per riunire atleti e seguaci delle arti marziali ma anche per ricordare quanti hanno perso la vita in incidenti stradali e in seguito al tragico impatto dei treni, avvenuto lo scorso 12 luglio sui binari della Ferrotramviaria, tra Andria e Corato.

A loro infatti è stato dedicato il pezzo inedito “Sono sopravvissuto”, scritto e interpretato dal giovane cantante coratino Luka Sensi, che ha aperto la manifestazione, prima di dare spazio ai combattimenti. Sul ring del Palalosito si sono affrontati lottatori di Muay Thai, Kick Boxing, K1 e del MMA (Mixed Martial Arts) provenienti dall’Italia e dalla Spagna.

Gli incontri, intervallati da momenti di intrattenimento con la musica di Luka Sensi e di Marina Manzi, vincitrice della Nota d’Oro 2016, hanno visto opposti Armando Lastella e Nicola Sanzione, Antonio Nicola Marino e Samuele Fortunato, Vincenzo Rella e Edoardo Lobascio, Morena Lastella e Gianna Giannotti, Tommaso Palumbo e Giuseppe Di Gioia, Paolo Schena e Pasquale Montaruli, Luca Merafina e Riccardo Cristiani, Antonio Giannameo e Sabino Strippoli, Marco Di Liddo e Michele Lomuscio, Gabriel Ilìe e Pasquale Paradiso, Simone Di Sabatino e Alberto Specchia, Gaetano Gatti e Gabriele Piccarreta, Diego Ramos e Raffaele Minichino, Adrian Blanco e Angelo Leonzio.

«Sono orgoglioso di essere riuscito a portare a Corato questo grande momento di sport – commenta a margine dei match il maestro dell’Accademia The Den of Tigers Mario Roselli – Non è stato facile mettere in piedi una manifestazione così impegnativa ma leggere la soddisfazione negli occhi degli atleti e in quelli dei sostenitori è stato motivo di profondissima gratificazione, siamo stati ripagati degli sforzi compiuti».

«In più voglio ricordare due atleti, Giuseppe Zezza e Giuseppe Lastella, che oggi sarebbero potuti essere qui con noi a gareggiare ma che a causa di un incidente stradale non ce l’hanno fatta. È importante trasmettere ai più giovani l’importanza di essere prudenti con l’automobile o con la moto, allacciando le cinture o indossando il casco, perché possono davvero salvare la vita».

«Da parte dell’Amministrazione comunale – precisa Gaetano Nesta, Assessore allo Sport di Corato, che ha partecipato alla manifestazione – c’è sempre piena disponibilità a patrocinare eventi come questi che coniugano sport e solidarietà.

In questa serata che vuole ricordare le vittime di incidenti stradali e quelle della strage ferroviaria, è importante veicolare valori importanti come quello della sicurezza stradale, soprattutto nei confronti delle giovani generazioni».

A partecipare alla manifestazione anche il senatore Luigi Perrone, che ha espresso parole di cordoglio nei confronti delle famiglie che hanno perso i propri cari in tragiche circostanze.

Sugli spalti del Palalosito, tante le famiglie e i bambini che hanno seguito gli incontri, affascinati dalle arti marziali che, dall’Oriente all’Occidente, sono divenute espressioni culturali, artistiche, filosofiche, basate sul rispetto dell’avversario e sull’armonia tra gli atleti.

E proprio l’armonia tra gli atleti è stata una costante in ciascuno dei combattimenti che fino a tarda sera si sono avvicendati, dove sportività e tecnica hanno dominato, regalando agli spettatori un vero e proprio spettacolo.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami