Premio “Le Torri di Corato”, Lo Stradone premia otto creativi eccellenti

Premio Le Torri di CoratoPer il terzo anno consecutivo LO STRADONE invita la città all’avvincente appuntamento con le eccellenze coratine, riconosciute tali in tutto il mondo.

L’edizione 2015 del Premio LE TORRI DI CORATO, organizzata dalla nostra testata con il patrocinio del Comune di Corato, in collaborazione con l’AIC – Associazione Imprenditori Coratini, il Rotary Club di Corato, il Pastificio Granoro e la Itel Elettronica e Telecomunicazioni, si terrà SABATO 14 NOVEMBRE, presso IL TEATRO COMUNALE DI CORATO, alle ore 20.00.

Una serata mirata alla conoscenza di alcuni concittadini che, con il loro genio, danno lustro al paese, distinguendosi, in Italia ed all’estero, nei rispettivi campi professionali. Un vero e proprio galà che risponde all’esigenza di porger loro, in segno di sincera gratitudine, un legittimo riconoscimento e plauso per il talento dimostrato.

Anche per questa terza edizione avremo un parterre di tutto rispetto, costituito da:

Domenico Petrone, fondatore e presidente di Viasat Group, azienda leader in Europa nei sistemi di sicurezza telematica satellitare;

Tarshito (all’anagrafe Nicola Strippoli), architetto e designer, noto per le sue sperimentazioni eccentriche e contaminazioni indiane;

Pino Leone, fashion photographer, ogni suo scatto celebra l’elegante bellezza di persone e luoghi;

Mariateresa Padula, scenografa e decoratrice di ambienti, i suoi allestimenti scenici hanno arricchito celebri rappresentazioni cinematografiche, televisive e teatrali;

Nicolas Vangi, pittore e insegnante di Arte e Terapia per conto della Epilepsy Foundation of Florida, le sue opere dalle atmosfere visionarie e sinaptiche sono quotate in Europa, USA e Medioriente;

Gregorio Sgarra, pittore eclettico, apprezzatissime le sue icone sacre dal sapore bizantino e le sorprendenti videoinstallazioni contemporanee;

Luigi Quinto, scultore, i suoi crocifissi in legno sono tra i più grandi del mondo ad essere esposti al culto, in lizza per entrare nel Guinness dei Primati;

Arcangela Gallo, l’arte dei preziosi ed evanescenti merletti a tombolo, ormai a rischio di estinzione, per lei non ha segreti.

Come l’anno scorso, anche quest’anno, la maggior parte di tali eccellenze nostrane giunge da importanti città dislocate sul territorio nazionale ed estero. Nonostante le distanze, hanno tutti aderito con entusiasmo all’invito a partecipare al PREMIO LE TORRI DI CORATO, confermando così una salda stima verso il giornale ed il loro inalterato attaccamento nei confronti della città in cui sono nati o affondano le loro radici.

Durante la serata sarà interessante scoprire il loro percorso professionale, le ambizioni, i sogni raggiunti, i traguardi conquistati o ancora da conseguire.

Non mancheranno gli intermezzi musicali affidati alla voce potente e limpida del giovane tenore Vito Cannillo e alle tonalità dalle sfumature cristalline e passionali della splendida interprete Mara Musci, entrambi accompagnati dal vivo, al pianoforte e violino, da illustri maestri di musica, tra cui Pietro Catucci.

Al fianco del vice direttore Marina Labartino ci sarà Luigi Di Zanni, artista poliedrico, celebre voce solista degli Hugu Tugu e dei Taverna Nova.

Promosso dall’AIC, sarà istituito un Premio Speciale da attribuirsi ad un giovane laureato che abbia discusso una tesi avente ad oggetto “imprese e industrie pugliesi”. A tale proposito l’amministratrice del Pastificio Granoro, dott.ssa Marina Mastromauro, ha voluto sostenere questa iniziativa concedendo a questo neo dottore, una borsa di studia intitolata ad Attilio Mastromauro, fondatore del Pastificio Granoro recentemente scomparso, ma sempre vivo nel ricordo dei coratini.

Con il PREMIO LE TORRI DI CORATO, LO STRADONE vuol portare all’attenzione dei cittadini la storia di tanti sogni, inseguiti giorno dopo giorno con passione e coraggio dagli ospiti della serata, i quali, determinati a rendere concrete le loro brillanti intuizioni, hanno dimostrato come, grazie al costante e duro lavoro, si possa superare ogni ostacolo.

“Un sogno resta tale finchè non decidi di realizzarlo” è una massima significativa che LO STRADONE fa propria, col proposito di esortare i giovani a perseguire obiettivi e vocazioni, seppur ambiziosi e difficili, prendendo esempio dai nostri ospiti che hanno fatto del loro estro creativo una professione apprezzata e gratificante.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami