Pietro Catucci sarà il nuovo presidente del Rotary Corato

Prende il posto di Gianfranco Tarantini. Venerdì 6 luglio il passaggio di consegne nella suggestiva cornice di Masseria Torredinebbia

Pietro Catucci sarà il nuovo presidente del Rotary Corato
Pietro Catucci sarà il nuovo presidente del Rotary Corato

Cambio di guardia per il Rotary Club di Corato: sarà Pietro Catucci il nuovo presidente, che prende il posto di Gianfranco Tarantini.

Il mese di luglio segna l’inizio del nuovo anno rotariano con il relativo passaggio di testimone tra vecchi e nuovi direttivi, sia a livello distrettuale sia presso singoli club sparsi su tutto il territorio.

La riflessione condivisa del nuovo Governatore 2018-19 del Distretto 2120 di Puglia e Basilicata, il dottor Donato Donnoli, è che “come in una sorta di ideale staffetta, il testimone, ci viene passato da chi ci ha preceduto nella consapevolezza che, a nostra volta, fatto il nostro percorso, noi cederemo quel testimone a chi ci seguirà”.

Con questa stessa convinzione, venerdì prossimo 6 luglio, avverrà il passaggio di consegne, definito “passaggio del martelletto”, tra l’attuale Presidente del Rotary Club di Corato, dr. Gianfranco Tarantini, ed il suo successore, prof. Pietro Catucci, nella suggestiva cornice di Masseria Torredinebbia.

Inoltre per l’anno rotariano 2018/2019 tra i soci del club Rotary di Corato è stato designato assistente del governatore del distretto 2120 il past president prof. Pierluigi Amodio. Rappresenterà il governatore Dott. Donato Donnoli nei club di Corato, Bisceglie, Molfetta e Bitonto.

Il compito di tener alto l’onore e gli impegni del Club di Corato sarà di forte stimolo per il nuovo presidente che riceve dal dr. Tarantini una ricca eredità.

Quest’anno, infatti, attraverso il Progetto denominato “Codice QR“, è stata data continuità alla proficua collaborazione con il mondo scolastico, nello specifico con il Liceo Artistico, validando il percorso dell’alternanza scuola lavoro, con il risultato di aver provato ad attuare nel mondo reale quello che i ragazzi apprendono sui banchi a scuola.

Nel segno della vicinanza al mondo della scuola vanno considerati anche il progetto “IO Merito“, giunto al quinto anno anche grazie alla puntuale collaborazione del Comune di Corato, mirato a premiare gli studenti coratini più meritevoli, così come i diversi progetti condivisi e l’attiva collaborazione di tutte le scuole superiori della nostra città.

Tra i service che il Presidente uscente certamente ricorderà nel suo discorso di commiato ci sarà quello di recupero del gruppo scultoreo ligneo, denominato “Le figlie di Maria“, esposto presso la Chiesa Matrice, che è tornato al suo splendore originario. Dopo il restauro conservativo, eseguito con il finanziamento del Club dalla dott.ssa Anna Maria La Monica, la cittadinanza ha potuto ammirare, in una nuova veste, la pregevole opera del maestro locale Raffaele Caretta.

Così come vanno certamente ricordati altri service, come quello con cui sono stati donati fondi per l’acquisto di una pedana per mezzi di trasporto per disabili della cooperativa Cohansie o i service in cui, grazie alla collaborazione di valenti attori amatoriali locali sono state portate in scena, presso il Teatro Comunale di Corato, la commedia di Dario Fo dal titolo “Non tutti i ladri vengono per nuocere“ e una rivisitazione del varietà, con lo spettacolo “Bentornato Varietè“, raccogliendo proventi poi destinati alla associazione onlus “Raggi di Sole“ a sostegno delle persone disabili.

Per esigenze di sintesi non possono essere menzionati tutti gli incontri tenuti con importanti esponenti del mondo della cultura, del giornalismo o della letteratura, sempre orientati ad offrire uno sguardo sulla realtà circostante ed ad offrire accurati spunti di riflessione sul mondo attuale in continua evoluzione. A puro titolo esemplificativo, si ricorderà l’incontro sul tema dell’immigrazione e dell’integrazione con il prof. Michele Karaboue e quello sull’estremismo religioso con il giornalista Magdi Cristiano Allam, l’incontro con il garante regionale per i diritti dei disabili, Pino Tulipani, presso Palazzo Gioia e infine quello con l’ex componente della Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro, Gero Grassi.

In chiusura, tornando alle parole del Governatore Donnoli, “in ogni nuovo anno rotariano si perpetua un divenire continuo” in cui si avvicendano uomini e donne “Pronti ad agire”, come recita il motto distrettuale di quest’anno, in una sorta di “viaggio rotariano” breve per durata ma lungo per intensità in cui “ciò che conta ed è importante è la presenza del testimone”, di cui si parlava all’inizio, “che come tale identifica la nostra cifra umana, sociale e rotariana in termini di disponibilità, impegno e appartenenza”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments