27.5 C
Corato
sabato, luglio 20, 2019
Home Archivio News Cronaca “Nonna, c’è un pacco da ritirare”. Ma è una truffa

“Nonna, c’è un pacco da ritirare”. Ma è una truffa

Un nuovo episodio della classica truffa per gli anziani ieri a Corato. Questa volta è finita bene

Torna il fenomeno della truffa agli anziani con il metodo del pacco postale
Torna il fenomeno della truffa agli anziani con il metodo del pacco postale

«Nonna, sono Aldo. Verranno a consegnarti un pacco perché a casa non c’è nessuno che può ritirarlo. Dovresti pagare 400€, che poi ti restituirò». È l’inizio dell’alquanto strana telefonata ricevuta nel primo pomeriggio di ieri da un’anziana coppia di coniugi di Corato, proveniente da qualcuno che, tentando una truffa, si spacciava per il nipote Aldo, chiedendo di ricevere un pacco a lui intestato e pagare la somma di 400€ per il ritiro.

Questa volta però, i truffatori non sono riusciti a portare a termine la truffa: la donna ha subito capito che dall’altra parte del telefono non c’era suo nipote Aldo e, nonostante l’insistenza, intuendo la truffa, prima di riattaccare gli ha risposto «Se mio nipote avesse avuto bisogno di soldi, li avrebbe chiesti ai suoi genitori».

Mai consegnare soldi a finti postini: è una truffa
Mai consegnare soldi a finti postini: è una truffa

Solo un grande spavento quindi per questi anziani, i quali però sono in buona compagnia. Pare infatti che, da qualche mese, numerosi anziani abbiano ricevuto delle telefonate truffa come questa, nelle quali il copione è sempre lo stesso: i truffatori si spacciano per un nipote, chiedono di ritirare un pacco e consegnare una somma di danaro.

Si invita quindi a non consegnare mai del denaro a sconosciuti ed allertare prontamente le forze dell’ordine per arginare questa truffa.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami