Mons. Pichierri, un breve ricordo di Suor Assunta

La fondatrice dell’Associazione “Luisa Piccarreta PFDV” fa memoria delle parole pronunciate nel 2005 in occasione della chiusura dell'inchiesta diocesana su Luisa Piccarreta

Mons. Pichierri, un breve ricordo di Suor Assunta
Suor Assunta e Mons. Pichierri in occasione del IV Convegno Internazionale tenutosi a Corato nel 2015

A distanza di un anno da quando Monsignor Pichierri ha lasciato la terra per ritornare alla casa del Padre, Suor Assunta ricorda le parole pronunciate in occasione della chiusura della fase diocesana della Causa di Beatificazione di Luisa Piccarreta.

“Credo in quello che faccio!” disse l’Arcivescovo Mons. Giovan Battista Pichierri nell’imprimere il sigillo sulle casse contenenti gli atti del processo diocesano di Beatificazione della Serva di Dio Luisa Piccarreta conclusosi nel 2005.

A farne memoria è Suor Assunta Marigliano, fondatrice e presidente per parecchi anni dell’Associazione “Luisa Piccarreta PFDV” che definisce Mons. Pichierri come il Buon Pastore che con amore ha guidato il gregge dei figli della Divina Volontà, sia in Corato, che negli angoli del mondo.

Sottolineando la sua dedizione verso la spiritualità del Divin Volere nonché per la figura della serva di Dio Luisa Piccarreta, l’associazione mostra gratitudine nei suoi confronti per  la chiusura dell’inchiesta diocesana su Luisa avvenuta il 29 ottobre 2005 nella Chiesa Matrice di Corato.

«Negli anni successivi il suo motto preferito è stato “come in cielo così in terra” con l’anelito del “Fiat Voluntas Tua” nella chiesa di Dio e nel mondo – conclude Suor Assunta a nome dell’associazione – Siamo certi che in Cielo, col vivere nella Divina Volontà, otterrà quanto in terra ha desiderato e continuerà a benedire l’Associazione insieme e tutti i figli e le figlie della Divina Volontà nel mondo, e da parte loro non mancherà di lodare Dio per i benefici da lui ricevuti».

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami