“Illo, ho, ho, my lord”, l’Amleto secondo il COET

Uno spettacolo teatrale di sensibilizzazione all’accoglienza a cura del Centro di Orientamento ed Educazione Teatrale, in collaborazione con il Centro di Prima Accoglienza

Corato: Amleto secondo il COET
“Illo, ho, ho, my lord”, l’Amleto secondo il COET

È un Amleto rivisitato ed attualizzato quello che il Centro di Orientamento ed Educazione Teatrale (COET) di Corato metterà in scena il prossimo 30 giugno con lo spettacolo dal titolo “Illo, ho, ho, my lord”, presso il Laboratorio Urbano Corato Open Space, sito in Viale E. Fieramosca n.169, in ben due turni, uno alle 19.00, l’altro alle ore 21.00.

Lo spettacolo è frutto di un lavoro costante e sinergico compiuto nei cinque mesi del Laboratorio di Teatro condotto da Francesco Martinelli, in collaborazione con il Centro di Prima Accoglienza di Corato, che ha coinvolto dodici allievi del Centro di Orientamento ed Educazione Teatrale e cinque giovani richiedenti asilo. Una occasione di formazione e convivenza tra gli ospiti del Centro Accoglienza e gli allievi attori del Centro di Orientamento ed Educazione Teatrale che ha permesso la creazione di relazioni interpersonali, cercando di mutare tutti gli stereotipi legati agli stranieri e fissati nell’immaginario collettivo. Sotto la direzione artistica del maestro Francesco Martinelli, saranno intepreti dello spettacolo Claudia Claps, Donason Clifford, Michele Colucci, Caterina Cuccovillo, Daniela De Palma, Fabio Di Gennaro, Sara Fiore, Kpekpejean Kambire, Madiu Sesam Suliaran, Francesca Malcangi, Tristano Martinelli, Raffaella Mazzilli, Felix Olokpa, Celeste Quercia, Moussa Soly, Roberto Tandoi.

«Vogliamo promuovere un’iniziativa per sensibilizzare la comunità cittadina alla conoscenza dei richiedenti protezione internazionale, che prevede interventi di “accoglienza integrata” che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, contemplando altresì misure di inserimento sociale» dichiarano dal Centro di Orientamento ed Educazione Teatrale, certi che i percorsi di integrazione si fondino soprattutto sulla partecipazione attiva delle persone e sulla loro dialettica con le società di accoglienza. Attraverso la realizzazione di attività teatrali si interviene, quindi, con un’azione di sensibilizzazione volta a rafforzare la cultura dell’accoglienza.

Il teatro diviene il mezzo per ricordare che l’individuo ha valore e lo può esprimere con la propria sensibilità, la propria storia, le proprie esperienze e tradizioni in quel linguaggio universale che è proprio del teatro. «Nello spazio teatrale sono presenti sia la dimensione relazionale che la dimensione creativa, per questo il teatro ci è sembrato il luogo dell’incontro per eccellenza, in cui potessero coesistere la necessità dell’affermazione della propria identità e la necessità del riconoscimento dell’altro».

Tutto, in un’ottica di scambio e condivisione che mira ad abbattere quei muri individuali, interpersonali, sociali e culturali di cui la nostra società è satura.

Lo spettacolo

“Illo, ho, ho, my lord” oltre ad essere il titolo dell’esibizione, è un verso di Shakespeare volutamente lasciato in lingua inglese presente nell’opera “Amleto” all’Atto primo, scena quinta, che significa letteralmente: Eh, ih, oh, oh, mio signore! Forse proprio la caratteristica di questo Amleto così incapace di dire, ha ispirato questo titolo così bislacco. Amleto è un individuo, non un personaggio, è una presenza identificata che è costretta ad essere profugo e straniero anche a se stesso; con affanno e fatica cerca di esistere in mezzo al frastuono di personaggi rumorosi che si impongono con la loro violenza verbale e comportamentale. Amleto vorrebbe parlare ma sceglie di non farlo limitandosi a poche parole. Sembra un bambino che sta imparando a parlare ma lucido nel ragionare. Quel bambino nessuno lo ascolta o lo invoglia a manifestare il suo pensiero, se pur tutti presumono di conoscerlo: così agisce e basta. Un Amleto che lascia in eredità una storia importante di cambiamenti e di lotta per costituire la verità dei fatti.

(Ingresso con invito).

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami