Cari sportivi, attenti alla vista e alla postura!

da sinistra il dott. Simone Loiodice e il dott. Antonio Garofano
da sinistra il dott. Simone Loiodice e il dott. Antonio Garofano

Come migliorare le abilità sportive?

Gli atleti, generalmente, prestano molta attenzione alle regole e alle caratteristiche della disciplina che praticano, all’abbigliamento e ai possibili rischi di “infortunio”, trascurando l’aspetto visuo-percettivo e le sue implicazioni nell’attività sportiva. L’atleta esegue movimenti rapidi e precisi che sollecitano varie abilità visive. La pratica sportiva sia a livello dilettantistico che semi-professionale può registrare performance migliori se accompagnata da una maggiore consapevolezza sull’utilizzo della vista e del corpo. In molti sport, una migliore capacità di equilibrio è necessaria per raggiungere il più alto livello competitivo e evitare lesioni, per esempio, degli arti inferiori. Per controllare l’equilibrio, il sistema nervoso centrale integra le informazioni visive, vestibolari, tattili-plantari, propriocettive e oculomotorie.

Come influenzano la visione le performance sportive?

Negli USA gli specialisti della visione iniziarono ad occuparsi dello sport alla fine degli anni ’60 scoprendo una significativa percentuale di atleti che avevano un difetto visivo senza esserne consapevoli. La sottovalutazione dell’aspetto visivo era balzata alla ribalta in modo ancor più evidente quando avevano esaminato le capacità visive implicate nella pratica sportiva. Era emerso che la coordinazione occhio-mano, la visione periferica, la percezione stereoscopica (tridimensionale) e altre abilità visive fondamentali per una prestazione visiva e sportiva ottimale, in molti atleti non erano adeguate.

«Gli aspetti legati alla percezione della profondità sono essenziali nel motociclismo e dell’automobilismo, la coordinazione occhio-piede è determinante nel calcio, la coordinazione occhio-mano è decisiva nel basket e nel volley». Ogni disciplina sportiva ha aspetti peculiari in tema di percezione visiva: indispensabile dunque scegliere occhiali e lenti a contatto ad hoc.

Come miglioro le mie performance sportive?

Solo il lavoro multidisciplinare di allenamento delle abilità visive, extra-visive e/o di ripristino dell’equilibrio posturale porterà il soggetto alla massima espressione ed efficacia del gesto motorio. Con il Dott. Antonio Garofano, fisioterapista e personal trainer, abbiamo sviluppato un protocollo diagnostico-riabilitativo per migliorare le abilità sportive. Una valutazione visuo-percettiva iniziale è fondamentale. Il Visual Training rappresenta l’approccio clinico per la correzione e il trattamento dei problemi visivi nonché il miglioramento e l’ottimizzazione delle abilità visive per permettere all’individuo di operare al suo più alto livello di rendimento nel lavoro e nello sport. Implica una serie di incontri pianificati in studio sotto la supervisione di un ortottista o di un optometrista e di esercizi da fare a domicilio. Il tipo di esercizi e la strumentazione necessaria sono in relazione alla natura e alla severità della condizione visiva.

È risaputo che per affrontare qualsiasi tipo di sfida in ambito sportivo è di fondamentale importanza mantenere una piena efficienza di tutto l’apparato muscolo scheletrico, quindi bisogna garantire la massima mobilità del corpo cercando di ridurre al minimo i cosiddetti DOMS (Delayed onset muscle soreness: indolenzimento muscolare).

Un trattamento riabilitativo di tipo preventivo o di controllo generale permette di velocizzare l’apprendimento della corretta esecuzione del gesto atletico preso in carico. La correzione dei difetti posturali permette di ridurre il consumo energetico dell’atleta e di rendere più fluido e quindi efficace il gesto tecnico da compiere.

Un atleta non deve sottovalutare l’importanza di seguire una alimentazione corretta ed equilibrata. Ogni movimento sbagliato può generare delle microlesioni nel breve periodo che nel lungo periodo possono portare a delle lesioni invalidanti.

Non è un caso che gli atleti che siano stati sottoposti a controlli periodici hanno presentato alla fine della stagione maggiore agilità, minori episodi di infortuni e maggiore potenza/forza. Inoltre tutti i migliori club hanno nel loro staff un’equipe di vari specialisti pronti a garantire il miglior status per il proprio atleta.

Presso Ottica Mazzilli Centro Visione potrai ricevere una consulenza personalizzata per aumentare le tue performance sportive.

simone loiodice[su_quote][author_bio][/su_quote]

CONDIVIDI
Articolo precedente“Festa del Rugby”, i seniores si aggiudicano il match con gli under 18
Prossimo articoloUno scatto di Alberto Iurilli porta a Conversano la “Matine de la chiazze”
Il Dottor Simone Loiodice è laureato in “Ortottica ed Assistenza Oftalmologica” presso l’Università degli studi ‘G. d’Annunzio’ di Chieti – Pescara nella clinica oftalmologica diretta dal professor Leonardo Mastropasqua. È attualmente iscritto al master universitario di I livello, presso l’università di Bologna Alma Mater Studiorum, in “Posturologia: percezione e movimento”. Perfezionato sulla manutenzione e rischio infettivo dell’uso delle lenti a contatto, sul DryEyes Syndrome, sul Digital Eye Strain (DES) o “affaticamento dell’occhio digitale” e sui danni legati ad un uso scorretto del makeup occhi. Maggiori info su: www.loiodicesimone.it

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami