Via Francigena, il “benvenuto pellegrino” diventa più buono

Il Comitato della Via Francigena del Sud-Corato sigla nuove convenzioni con bar, ristoranti, gastronomie per un "menù del pellegrino"

Via Francigena, il benvenuto pellegrino diventa più buono

Si arricchisce e diventa più buono il “Benvenuto Pellegrino” della Via Francigena del Sud. Il Comitato della Via Francigena del Sud-Corato sigla nuove convenzioni con bar, ristoranti, gastronomie per un “menù del pellegrino”.

“Grazie a imprese private che credono nel progetto della Via Francigena del Sud – spiega la Presidente Adele Mintrone – siamo riusciti ad abbattere i costi di un tradizionale “menù turistico per vacanzieri” e a confezionarne uno dedicato ai Pellegrini con il gusto di qualità e i profumi della nostra terra ad un “costo accessibile”.

Chi cammina per 8 ore al giorno ha bisogno di recuperare energie e nello stesso tempo ha desiderio di conoscere i nostri sapori. Oggi il Pellegrino che attraversa la nostra città può mangiare un menù completo di primo, secondo, contorno o antipasto con bevanda.

Nel suo menù: un buon piatto di pasta col pomodoro di Puglia condita secondo la nostra tipicità, una parmigiana, “pane condito” con il nostro olio extravergine d’oliva e l’origano delle Murge”; o un buon panino con pomodori secchi, mozzarella, pecorino primo sale.

Un paniere dei nostri prodotti attende il Pellegrino nei b&b dove alloggera’, una formula di benvenuto del nostro territorio grazie a Pasta Granoro, Vino di Torre Vento, Confetture Micco, e l’origano di Maniditerra e il miele mille fiori delle Murge di Terre di Castel del Monte”.