Urban Talk, conclusa la mini rassegna di incontri

Urban Talk, conclusa la mini rassegna di incontri
Urban Talk

L‘incontro sul “Linguaggio delle arti” ha chiuso i tre appuntamenti di Urban Talk, la mini rassegna su rigenerazione urbana e arte contemporanea, inserita nel festival “Mac Boat” di Bisceglie Approdi.

Più che mai preziose le parole del tenore coratino Aldo Caputo, del giornalista Carmelo Cipriani e del regista Paolo Strippoli, preceduti dall’intervento di Sergio Fontana, presidente di Confindustria Bari-Bat. “La responsabilità sociale d’impresa – spiega Fontana – serve a creare ricchezza e valore e non significa creare solo utile per sé ma anche per i propri dipendenti. E poi nel ruolo di mecenate si ha la possibilità di riverberare sul territorio la positività che crea l’azienda. Non ci possono essere aziende che operano staccate dal territorio”.

La figura del mecenate rappresenta la possibilità di investire economicamente in questa idea di crescita culturale. “Nell’ultimo appuntamento di Urban Talk – aggiunge l’organizzatrice Esther Tattoli – abbiamo centrato la conclusione di un percorso che ci ha fatto partire dalle problematiche della rigenerazione urbana, ovvero quello che si può fare su luoghi speciali e particolari, e a Bisceglie abbiamo parlato del confine città-mare. Poi abbiamo parlato del pubblico dell’arte e di come far nascere questo amore per l’arte in generale e soprattutto per quella contemporanea. I nostri incontri erano tra la gente per questo motivo. Non un luogo chiuso ma un luogo aperto dove tutti possono ascoltare”.

Bilancio positivo per la mini rassegna. “Nei tre incontri sono sempre intervenuti esperti del settore in grado di coinvolgere un pubblico variegato con le loro esperienze – conclude l’organizzatore Alexander Larrarte -. Ci siamo soffermati sull’idea concreta di poter realizzare la rigenerazione urbana assieme all’arte contemporanea, coinvolgendo tutti e trasformando la visione del nostro Paese. E’ un dato di fatto che ‘contaminando’ i luoghi con l’arte contemporanea c’è sempre l’afflusso maggiore di visitatori. I talk hanno anche uno scopo di sensibilizzazione del pubblico più vasto, andando fuori dai contenitori del bello”.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami