Un investimento per le famiglie: i conti di deposito

Pur a fronte di rendimenti non straordinari fanno della sicurezza e dell'affidabilità i propri punti di forza

Un investimento per le famiglie i conti di deposito
Un investimento per le famiglie i conti di deposito

Per investire i tuoi risparmi senza correre rischi, soprattutto in tempi in cui il demone dello spread si agita minaccioso sulla situazione economica italiana, non sono molte le soluzioni che puoi prendere in considerazione: tra queste, però, c’è di sicuro il conto deposito, che pur a fronte di rendimenti non straordinari fa della sicurezza e dell’affidabilità i propri punti di forza. Per averne una conferma, valuta i conti di deposito messi a disposizione dal mercato.

La propensione al rischio dei risparmiatori italiani è, nella maggior parte dei casi, piuttosto bassa: un po’ perché dal punto di vista culturale non siamo molto portati ad azzardare, un po’ perché non riceviamo un’educazione finanziaria sufficiente a renderci esperti di questo argomento. Stando ai dati forniti dal Centro studi di Unimpresa relativi al 2017, sui conti correnti e sui conti deposito italiani ci sono più di 1.300 miliardi di euro accumulati dai risparmiatori. La differenza tra un conto corrente e un conto di deposito va individuata nel fatto che il primo non prevede interessi ma impone solo costi.

Il rendimento di un conto deposito

Ovviamente, i rendimenti che vengono garantiti dai conti di deposito variano in funzione di un gran numero di fattori, a cominciare dall’entità della somma che viene investita. Un altro aspetto importante è rappresentato dalla durata del vincolo degli importi in denaro: il guadagno è tanto più elevato quanto più il periodo in questione è lungo. Va detto che nel corso degli ultimi anni si è assistito a una riduzione dei tassi di interesse creditore, ma ciò non toglie che i risparmiatori possano comunque contare su condizioni vantaggiose proposte dagli istituti di credito.

Come guadagnare grazie a un conto deposito

Se gli interessi sono quelli che sono, la via più semplice per ricavare il massimo guadagno possibile dai conti di deposito consiste nel tagliare o comunque ridurre i costi variabili: a tal proposito, può essere utile e conveniente aprire il conto online per poi gestirlo direttamente tramite Internet, così da usufruire di rendimenti più elevati di quelli che potrebbero essere offerti da un conto aperto in banca. L’iter che deve essere seguito è più semplice e veloce di quel che si possa immaginare: e anche se il processo si svolge a distanza, non ci sono preoccupazioni giustificate in termini di sicurezza, dal momento che gli istituti di credito garantiscono sempre e comunque la tutela del cliente.

Cosa bisogna sapere per aprire un conto deposito

Occorre non farsi allettare più del dovuto dalle condizioni vantaggiose offerte dalle banche in cerca di nuovi clienti: quel che conta, infatti, è la realtà delle condizioni a regime. Un conto molto vantaggioso nei primi mesi, insomma, si può trasformare in una soluzione ben poco remunerativa nel momento in cui la promozione si conclude.

Come si è detto, anche la durata del vincolo è molto importante: se è vero che oltre ai conti deposito vincolati esistono anche quelli liberi, è altrettanto vero che questi ultimi offrono rendimenti davvero bassi, e pertanto è sui primi che vale la pena di concentrarsi. Ma in presenza di un vincolo non si può far altro che “dimenticarsi” della somma depositata per il periodo di tempo richiesto; se il denaro viene riscattato prima, non solo non si guadagna con gli interessi, ma si va addirittura in perdita, a causa delle spese relative all’imposta di bollo, che oggi corrisponde al due per mille dell’importo versato. Non va dimenticato, poi, che sulle somme guadagnate come interessi attivi è prevista una ritenuta alla fonte del 26%.

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami