Guglielmo Rocco, un coratino alla Milan Design Week

Il giovane 3D Visual Artist, con il team di designer e creativi di Giò Forma, ha collaborato alla realizzazione dell'imponente opera RoBotl esposta in occasione della Milan Design Week 2019

Guglielmo Rocco alla Milan Design Week 2019
Sostenibilità e riciclo, questi i principi ispiratori del Supereroe RoBotl

Un’installazione imponente ed esclusiva, quella firmata dallo studio milanese Giò Forma in collaborazione col brand di moda Timberland. A partecipare all’ideazione e alla realizzazione del progetto presentato alla Milan Design Week 2019 è stato il giovane coratino Guglielmo Rocco.

Laureatosi nel 2015 presso la Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano (NABA), da ormai tre anni lavora come 3D Visual Artist presso Giò Forma, uno studio internazionale composto da un eclettico team di artisti e creativi – già creatore, tra i tanti progetti, dell’Albero della Vita di Expo 2015. Ed è proprio il team milanese a presentare RoBotl, il supereroe della sostenibilità.

Dal 9 al 14 aprile, la maestosa installazione ha occupato gli spazi di Piazza XXV Aprile. Si è, inoltre, integrata con il concept di questa edizione di Brera Design District, “Design your Life”: la progettazione sostenibile e consapevole delle proprie scelte.

Il circolo virtuoso di sostenibilità è composto da piccoli gesti. RoBotl prende il suo nome, infatti, da Rebotl, la nuova collezione footwear del noto marchio di calzature Timberland, la cui tomaia è in gran parte composta da materiale di riuso.

L’inquinamento ambientale è sicuramente, in questi ultimi tempi, uno dei problemi più sentiti a livello globale dal punto di vista green. E l’opera, realizzata a seguito di un’attenta e meticolosa ricerca di pezzi, scarti di produzione provenienti dall’industria del design e bottiglie di plastica riciclata, ha mostrato come sia possibile ri-creare e trasformare elementi inquinanti in un intervento significativo ed educativo.

Il robot/supereroe ha conquistato adulti e bambini, stimolando la loro curiosità e il loro stupore. Grazie anche alla presenza di monitor, sono stati trasmessi video volti a raccontare le motivazioni che hanno spinto alla realizzazione del progetto.

Un caso virtuoso, quello di RoBotl, che vede nel design un approccio orientato a risolvere problemi concreti, educare il consumatore e ridurre l’inquinamento. E, a tutto ciò, ha collaborato anche il nostro giovane concittadino Guglielmo Rocco, espressione delle menti nuove e fresche che genera la nostra terra.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami