Torna l’appuntamento con Kursaal Primavera

La prima rassegna ideata da Spore Soc. Coop. e dal Kursaal Coworking. All’interno del nuovo spazio nell’ex Cinema Kursaal, vivranno musica, mostre, dialoghi, presentazioni di libri e fatti culturali. Una nuova vita per l’ex cinema teatro che torna a raccontare storie e a svelare aneddoti

Torna l’appuntamento con Kursaal Primavera
Torna l’appuntamento con Kursaal Primavera
Torna l’appuntamento con Kursaal Primavera, la prima rassegna ideata da Spore Soc. Coop. e dal Kursaal Coworking. All’interno del nuovo spazio sito nell’ex Cinema Kursaal, vivranno musica, mostre, dialoghi, presentazioni di libri e fatti culturali. Una nuova vita per l’ex cinema teatro che torna a raccontare storie e a svelare aneddoti.
Nel quarto appuntamento, in programma questa sera alle ore 19.30,  si parlerà di lavoro con Silvio Lorusso autore di Entreprecariat, un libro che indaga le nuove categorie imprenditoriali e precarie. Una nuova figura lavorativa sta emergendo, in cui autonomia e instabilità portano a essere curatori della propria vita, invadendo anche la sfera privata. Silvio Lorusso (1985) è un artista, designer e scrittore italiano di base a Rotterdam. Attualmente è ricercatore affiliato presso l’Institute of Network Cultures di Amsterdam, docente presso la Royal Academy of Art di Den Haag e ricercatore presso la Willem De Kooning Academy di Rotterdam. Il suo lavoro è stato presentato presso istituzioni ed eventi come Re:Publica (DE), MaXXI (IT),Transmediale (DE), Drugo More (HR), Kunsthalle Wien (AT), Vögele Kultur Zentrum (CH),NRW-Forum (DE), MoneyLab (NL), Impakt (NL), Sight & Sound (CA), Adhocracy (GR). Diverse testate si sono occupate dei suoi progetti, tra cui il Guardian, il Financial Times e Wired.
Coordinano:  Alfredo Ferrara, ricercatore in Scienze Politiche;  Felice Addario, sociologo.
Entreprecariat – Siamo tutti imprenditori. Nessuno è al sicuro
Krisis Publishing, 2018
Imprenditore o precario? Sono questi i termini di una dissonanza cognitiva in cui tutto pare una mastodontica startup. Silvio Lorusso ci guida alla scoperta dell’”imprendicariato”, un universo fatto di strumenti per la produttività, di poster motivazionali e di tecniche di auto-aiuto per risultare ottimisti. Non solo: un mix di ideologia imprenditoriale e precarietà diffusa è ciò che regola social media, mercati online per il lavoro autonomo e piattaforme di crowdfunding. Il risultato? Una vita in beta permanente, dai risvolti talora tragici.
Entreprecariat parla di imprenditorialità, ma non è un manuale di auto-aiuto per «farcela». Non si tratta nemmeno della solita agiografia di visionari come Steve Jobs o self-made man come Flavio Briatore. Al contrario, il libro descrive la realtà che circonda i cosiddetti «imprenditori di se stessi»: studenti, freelancer, disoccupati spinti o costretti a sviluppare una mentalità imprenditoriale per non soccombere alla precarietà crescente che coinvolge l’ambito professionale, quello economico nonché quello esistenziale. Benvenuti nell’imprendicariato, dove lo spirito imprenditoriale, più che una benedizione, rappresenta una condanna.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami