Terra Maiorum dedica una sala della cooperativa ad Aldo Moro

La cerimonia si terrà domani, alle 18.00, alla presenza di Fabiano Amati, Presidente della Commissione Bilancio, Finanze e Programmazione della Regione Puglia, e di Salvatore Camposeo, Docente presso il Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali dell’Università degli Studi di Bari

A Corato torna l'On. Gero Grassi per parlare del caso Moro
A Corato torna l'On. Gero Grassi per parlare del caso Moro

Sabato 24 novembre 2018 alle ore 18.00 a Corato, nella sede sociale della Cooperativa Lavorazione Prodotti Agricoli “TERRA MAIORUM”, in Via Castel del Monte 184, sarà dedicata una sala al Presidente “Aldo Moro”.

L’antica ala dell’opificio, risalente al 1875, in passato detta “dei fermentini”, ospita vasi vinari interrati in precedenza utilizzati per la fermentazione dei mosti.

Al suo interno si trovavano numerose botti in rovere e castagno per l’affinamento dei vini. Queste ultime nel corso dei primi anni del 1900 furono sostituite da vasche aeree in cemento armato realizzate seguendo la tecnica messa a punto dall’ ing. Luigi Santarella.

Il restauro dell’intera sala, eseguito sotto la direzione dell’ing. Francesco Faretra, ha visto la realizzazione del nuovo pavimento e degli impianti a servizio della cantina, unitamente al ripristino dell’originario portone in legno. I lavori eseguiti hanno reso fruibile la zona per le lavorazioni e predispongono il suo utilizzo anche come autorevole contenitore culturale.

La cerimonia offrirà lo spunto per riflessioni sulla figura di Aldo Moro da parte di Fabiano Amati – Presidente della Commissione Bilancio, Finanze e Programmazione della Regione Puglia e di Salvatore Camposeo – Docente presso il Dipartimento di Scienze Agro – Ambientali e Territoriali dell’Università degli Studi di Bari.

Gli interventi saranno moderati da Giampaolo Balsamo scrittore e giornalista de “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

«Oggi più che mai il pensiero di Aldo Moro risulta ancora attuale e di sicuro riferimento per tutti – scrive il Presidente della Cooperativa Pasquale D’Introno – Dello stesso mi piace ricordare una frase che, scritta alla fine degli anni sessanta, mi colpisce per la sua attualità e profezia, “non è importante che pensiamo le stesse cose, che immaginiamo e speriamo lo stesso identico destino, ma è invece straordinariamente importante che, ferma la fede di ciascuno nel proprio originale contributo per la salvezza dell’uomo e del mondo, tutti abbiano il proprio libero respiro, tutti il proprio spazio intangibile nel quale vivere la propria esperienza di rinnovamento e di verità, tutti collegati l’uno all’altro nella comune accettazione di essenziali ragioni di libertà, di rispetto e di dialogo”. L’intitolazione a Moro della sala rinnova in tutti lo spirito di appartenenza al nostro territorio e, sulla scorta del suo pensiero, si proietta, con salde basi etiche, in un mercato globale spesso disattento al rispetto della dignità della persona».

La sala, per l’occasione, ospiterà alcune opere degli artisti Luigi Basile e Vincenzo Mascoli.

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami