Successo a Corato del KRONOS PIANO FESTIVAL

La nostra città è stata il palcoscenico per il  FESTIVAL DI MUSICA CLASSICA NEL CUORE DELLA PUGLIA

Kronos festival di musica

Si conclude oggi il Kronos Piano Festival con il Gran Concerto Finale in Piazza Marconi, Teatro Comunale: alle 20.00 apertura con il reading poetico- musicale “Ferma l’ali” di Anita Piscazzi e Michel Godard. Alle 21.00 poi il Concerto dei pianisti Fabio Di Gennaro e Irene Ninno.

Frutto del lavoro di due giovani pianisti pugliesi, Irene Ninno di Barletta (ma residente a Roma) e Fabio Di Gennaro di Corato, “Il Kronos Piano Festival nasce da una serata primaverile al porto di Trani e da un’esigenza: quella di un rinnovamento nel rivolgere la musica classica al pubblico che con gli anni è diventato sempre più anziano. Siamo sempre più convinti che ci sia bisogno di una nuova formula per promuovere questa forma d’arte. È per questo che gli eventi del festival prevedono tutti un reading a cura di una giovane poetessa, Aurora Taranto, e una guida d’ascolto. – spiega il direttore artistico Fabio Di Gennaro –. La Puglia, inoltre, è una fucina di talenti nell’ambito musicale ma sono poche le occasioni di esprimere la propria arte. Per questo motivo, oltre a sei concerti di artisti emergenti del territorio e non, il festival ha previsto una Masterclass con Alessandro Deljavan, pianista italo-iraniano di fama internazionale, dal 21 al 23 agosto che ha fatto di Corato un polo di attrazione per i musicisti di tutta Italia e per quelli del territorio”.

Irene Ninno e Fabio Di Gennaro hanno unito le loro forze per fondare una realtà del tutto nuova. Il festival avrà come centro propulsore la città di Corato e fra i protagonisti solisti di fama internazionale. La kermesse musicale è divisa in due trance: il “Kronos Piano Festival”, anteprima estiva, dedicata solo alla musica d’arte, e il “KRONOS experience” che si terrà a partire da gennaio 2020 e che avrà un respiro culturale più ampio.

Questa edizione ha scelto luoghi tutti nel centro cittadino di Corato, la Sala Verde del Palazzo di Città e la piazza Marconi, adiacente al Teatro Comunale, ma le prospettive per il futuro sono quelle di aprire gli spazi in luoghi periferici mai utilizzati per eventi culturali.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami