Strade private a uso pubblico. Lenoci: «Basta polemiche»

«Ora non è più tempo di ulteriori lungaggini amministrative, anzi è necessario dover dare delle risposte concrete e fattibili» così il candidato sindaco di Corato alle Amministrative 2019

Strade private a uso pubblico. Lenoci: «Basta polemiche»
Strade private a uso pubblico. Lenoci: «Basta polemiche»

Il candidato Sindaco Lenoci interviene dopo le istanze del Comitato di Quartiere via Gigante finalizzate alla soluzione della gestione, manutenzione e sicurezza delle strade e dei servizi delle cosiddette strade private ad uso pubblico.

“Conosco bene il problema del rione Barbaschello, oggetto di questa stortura amministrativa che da anni si ripercuote sui suoi abitanti, da sempre rivendicanti l’intervento dell’Amministrazione Comunale – fa sapere Lenoci – Ho in qualche occasione incontrato diversi residenti, e mi fa specie che ad oggi il Comune di Corato non abbia mai intrapreso misure d’intervento congrue a sostegno di questi concittadini.

Tuttavia ora non è più tempo di polemiche e di ulteriori lungaggini amministrative, anzi è necessario dover dare delle risposte concrete e fattibili. 

Il mio impegno già da ora è stato quello di consultare diversi tecnici e addetti ai lavori, ed insieme si è convenuto sul fatto che queste strade possano essere acquisite gratuitamente al patrimonio comunale, solo se in presenza di un chiara risposta ‘politica’ ovvero di una manifesta volontà della prossima amministrazione comunale a compartecipare a queste reali problematiche urbane.

La necessità di dare risposte immediate ai cittadini, rientra in quel che dichiaro il punto fondamentale del nostro programma di governo. Non sarà necessario elencare decine di proposte elettorali programmatiche, che poi magari passino nel dimenticatoio sia di chi le promette e soprattutto di chi le attende, o che peggio ancora rappresentino proposte irrealizzabili. È invece sufficiente mettere i cittadini ed i loro diritti al centro degli interessi comuni, e non l’interesse di pochi al centro degli affari del governo di Corato”.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami