Storia del calcio coratino: nasce la Futura FC Corato

Il calcio coratino si tinge di rosa

La Futura FC Corato
La Futura F.C. Corato: in piedi da sinistra Caputo, Varesano, Bucci, Musto, Gallo A., Maino, Mansi, allen. Caterina, e Gallo R.; accosciate Strippoli, Russo, Scommegna, Amorese, Leonino, Di Lernia.

In questo caso, in campo la protagonista è donna! Undici in campo ed una fuori con lo stesso peso specifico e la stessa funzione. Due diversi modi di partecipazione, ma che portano allo stesso risultato: la promozione di uno sport prevalentemente maschile anche in rosa.

Saranno stati forse gli ultimi anni di buon calcio ad attirare anche donne allo stadio, sarà stata l’onda lunga delle scudettate squadre nella vicina Trani, tra l’altro guidate anche dal coratino De Marinis, resta il fatto che anche la donna agli inizi degli anni 90’ cerca spazio come protagonista nel calcio coratino.

Da  un lato undici guerriere che per un giorno a settimana dimenticano trucco e fornelli e non fanno differenza con l’altro sesso nella’addomesticare la sfera di cuoio, dall’altra una mamma che tra impegni di lavoro e di famiglia grazie alla sua grinta e al suo carisma trova anche il tempo per trascinare un gruppo dirigente calcistico.

Anna Melillo Santarella con il presidente US Corato Pinuccio Strippoli
Anna Melillo Santarella con il presidente US Corato Pinuccio Strippoli

Non ci sono quote rosa obbligatorie, ma in quegli anni una fetta importante dei riflettori è puntata su di loro. Il 90-91 è l’anno in cui nasce la Futura FC Corato, che partecipa anche con buoni risultati al campionato di serie D.

Il presidente è Cataldo Di Bisceglie, il mister è Franco Caterina, detto Sivorini. È anche l’ anno in cui emerge la personalità di Anna Melillo Santarella. In entrambi i casi lasciano tracce indelebili nella storia del calcio coratino. Peccato che purtroppo sulla loro scia segua il vuoto ed il loro lavoro risulterà vano.

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami