Solidarietà in ricordo di Viktor

"Un gesto di bontà e amore vinca sulle cattiverie, un gesto di solidarietà ci unisca in un’unica direzione quella della pace e della dignità umana e rispetto per la vita oltre la religione la nazione e il colore", hanno auspicato i suoi amici

Solidarietà in ricordo di Viktor
Solidarietà in ricordo di Viktor

Ieri sera erano in tanti in Largo Abbazia, nei pressi dell’Arco, dove mercoledì sera fu ucciso Viktor.

“Un ragazzo sorridente, solare, che amava la vita,  venuto qui per un futuro migliore. Aveva un cuore grande e prendeva le difese dei più deboli”, così lo ricordano i suoi amici tra le lacrime. Uniti al dolore del fratello e della sua famiglia  hanno organizzato una raccolta fondi a favore del trasferimento della salma in Albania.

Un gesto di solidarietà in ricordo di Viktor
Un gesto di solidarietà in ricordo di Viktor

“Vola in alto come un’aquila libera”, recita un cartello esposto in piazza vicino ai tanti fiori deposti in questi giorni.

E in cielo sono volati palloncini bianchi e piccole lanterne alle quali sono state affidate le lacrime, le preghiere, la speranza e i ringraziamenti per il sostegno mostrato dai coratini.

“Non siamo qui per polemizzare. Crediamo nella giustizia italiana, daremo il nostro contributo ma abbiamo bisogno del vostro aiuto. – hanno affermato a gran voce – Crediamo  in voi coratini gente con il cuore grande, disposti sempre ad aiutare il prossimo. Un gesto di bontà e amore vinca sulle cattiverie, un gesto di solidarietà ci unisca in un’unica direzione quella della pace e della dignità umana e rispetto per la vita oltre la religione la nazione e il colore”.

Un grande ringraziamento hanno voluto rivolgere anche al sindaco e alle forze dell’ordine per aver permesso di organizzare la raccolta fondi.

Ora i familiari dovranno attendere l’autorizzazione del Magistrato prima di poter abbracciare Viktor e procedere al rito funebre.

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Tocchi di Tradizione”: musica e gusto
Prossimo articoloCorato, incidente sul lavoro
Laureata in Filosofia con master in Risorse Umane, giornalista pubblicista dal 2009, si occupa in particolare di cultura, società e religione, ma, negli ultimi mesi, segue anche gli sviluppi della politica cittadina. Da parecchi anni si documenta e scrive delle vicende del processo di Beatificazione di Luisa Piccarreta.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami