Sei di sette: i nomi di D’Introno come la chiave di un mistero

Sei assessori proveranno a ottenere il gradimento del Consiglio comunale. Altrimenti commissariamento

sei assessori saranno graditi dal Consiglio comunale?
D'Introno ci riprova con sei
Sono sei i naviganti che cercheranno il voto della maggioranza consiliare per varare la nave dell’amministrazione D’Introno. I loro nomi resteranno scolpiti sulla polena, e se la nave affondasse potranno sempre essere recuperati alla storia. Si tratta di Antonella Di Bartolomeo, Lucia Zitoli, Benedetto Roselli, designati dal Sindaco, e poi Ignazio Salerno di Direzione Italia, Luigi Di Ciommo di IDEA, Giuseppe Cannillo di Fratelli d’Italia. Ne manca uno. Ma il nome è sempre quello, Pasquale Pomodoro, da qualcuno dato per eliminato forse troppo presto. In molti ormai ritenevano che il commodoro Pomodoro fosse stato sacrificato. Sacrificato per rabbonire il mare agitato su cui si muove la navicella e permetterle di navigare. Forse. E forse invece Pomodoro salirà a bordo, almeno stando ai tentativi che starebbe compiendo ancora adesso l’armatore Gino Perrone. Ma D’Introno Achab ne farà ancora una delle sue? Lancerà la navicella alla impossibile cattura della balena bianca? Moby Dik continuerà a restare un incubo e un sogno, un fantasma che sprofonderà i naviganti, tutti, negli abissi?

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami