Ryugi sul podio dei Campionati Regionali di karate

Tre atleti della Ryugi Corato vincono i Campionati Regionali di karate, il prossimo 4 novembre gareggeranno per i Campionati Italiani a Roma.

Ryugi corato
Ryugi Corato sul podio dei Campionati Regionali

Con il patrocinio del Comune di Corato, lo scorso 8 ottobre la palestra Ryugi di Corato ha allestito la finale del Campionato Regionale di karate, con accesso diretto ai Campionati Italiani.

Le categorie coinvolte esordienti A di 12 e 13 anni, nonché atleti di prima esperienza che hanno gareggiato con la tecnica di kata e kumite, incentrata sulla perfezione e sulla precisione.

Un podio tutto coratino, dunque, quello dei Campionati regionali edizione 2017 che il 4 novembre gareggeranno a Roma per gli Italiani. Al terzo posto troviamo Flavio Maldera, di 13 anni; al secondo posto Diego Rosito di 12 anni e al primo posto Flavio Pomarico di 13 anni.

“È un grande orgoglio per me aver raggiunto questo brillante risultato con i miei tre ragazzi”– dichiara il maestro Andrea Di Gennaro, della scuola Ryugi di Corato- “L’anno scorso ci siamo classificati ai Campionati Italiani con un solo ragazzo che ha rappresentato Corato con un terzo posto ai regionali. Quest’anno sono tre. Ci alleniamo duramente, da loro mi aspetto il massimo in ogni singolo allenamento. Ci tengo a trasmettere loro il senso della disciplina e del rispetto. Se ci si allena si vince, così come anche nella vita: per ottenere un grande risultato bisogna combattere duramente, a denti stretti. I nostri tre ragazzi si sono distinti tra tutti gli atleti partecipanti della Puglia. Infatti, hanno battuto tutti 5-0, nonché punteggio segnato dalla bandierina.

Si tratta di competizioni riconosciute dalla Fijlkam, la Federazione ufficiale e nazionale di judo, lotta, karate, arti marziali, che permette anche ai giovani atleti di crescere e ambire a livelli alti della disciplina.

Abbiamo incontrato e ascoltato i tre atleti che rappresenteranno orgogliosamente la città di Corato ai Campionati Italiani.

“Pratico karate da 10 anni, da quando avevo 3 anni, quindi si può dire che sono nato con esso.”– racconta il primo classificato Flavio Pomarico. “All’inizio frequentavo una palestra di Andria, perchè sono nativo di Barletta. Poi un giorno, durante una gara di cambio di cintura, ho visto gareggiare gli atleti della palestra Ryugi del maestro Andrea e sono rimasto affascinato dalla loro tecnica e dagli insegnamenti del maestro. Da quel giorno ho deciso di iniziare a praticare karate qui a Corato. Mi accompagna sempre mio nonno Ruggero, che crede tanto in me e nel mio sogno, per cui gli dedico questa vittoria per tutte le volte che pazientemente mi aspetta anche fino a tardi, finchè non finisco l’allenamento. Voglio dare il massimo nei Campionati Italiani. Il mio sogno più grande è quello di continuare a crescere in questo sport ed entrare a far parte un giorno dei grandi gruppi sportivi.”

“Io ho 12 anni e pratico karate da 7 anni.”– afferma Diego Rosito, secondo classificato- “Ho iniziato quando avevo 5 anni, grazie a mio padre, con cui un giorno sono venuto in palestra a vedere un allenamento. Gli atleti che si stavano allenando, mi hanno incuriosito e subito ho sentito di voler far parte di loro. Col tempo il karate è diventato la mia passione, riesco a conciliare lo sport con la scuola e credo tanto in questo sport. Grazie al sostegno della mia famiglia e del maestro i risultati arrivano. È grande la soddisfazione dopo una vittoria, mi esorta sempre a fare meglio.”

Infine il terzo classificato Flavio Maldera ci racconta: “Io ho 13 anni e pratico karate da 5 anni. Devo confessare che all’inizio lo disprezzavo, per tutte quelle mosse e quelle grida di cui non capivo il senso. Però un giorno ho voluto iniziare a praticarlo, così ho lasciato calcio e nuoto. Ora non riesco a farne a meno, per me il karate è una cosa seria, quando mi alleno mi concentro e tutto il resto è fuori. È uno sport molto forte, richiede tanti sacrifici, ma ti dona tanta sicurezza e tante soddisfazioni.”

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami