La solidarietà di Rimettiamo in moto la città alla Polizia Locale

Il movimento politico torna sul tema sicurezza dopo l'aggressione subita da un'agente

La solidarietà di Rimettiamo in moto la città alla Polizia Locale

Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma di Corrado De Benedittis, di Rimettiamo In Moto La Città, e Democrazia Solidale DEMOS di Corato, riguardo al tema sicurezza nella nostra città, a margine dell’aggressione subita da un’agente di Polizia Locale

Per la terza volta, dopo il 04 dicembre e il 30 gennaio scorsi, avverto la necessità, a nome mio personale e delle forze politiche che rappresento, ovvero “Rimettiamo in moto la città” e “Democrazia Solidale – DEMOS”, di tornare a esprimere solidarietà e vicinanza alle Forze dell’Ordine che operano sul territorio cittadino, in particolare, questa volta, al Corpo di Polizia Locale e, nello specifico, alla Agente, oggetto di aggressione da parte di un gruppo, alquanto esagitato, di ragazzini.

Il problema della sicurezza non è più ulteriormente rinviabile e va affrontato in modo integrato.

Occorre, in primo luogo, creare le condizioni per reclutare nuovi Agenti di Polizia Locale che vivono una situazione di sott’organico ormai insostenibile.

Il grave episodio di sabato sera, inoltre, ci dice che il problema della sicurezza non può essere scaricato solo sulle Forze dell’Ordine: viviamo, in città, una forte emergenza educativa!

L’esistenza di bande di ragazzini capaci di diffondere il terrore per le strade e per le piazze, fino al punto di arrivare a strattonare violentemente una Agente delle Forze dell’Ordine, impone, da parte di chi governerà la città, la promozione di politiche giovanili orientate alla prevenzione e al recupero, a partire dal coordinamento attivo ed efficace di tutte le agenzie formative presenti sul territorio: famiglie, scuola, chiese, associazioni sportive e culturali…

Per fare ciò, occorre avere un’idea di città intesa come comunità di valori, sorretta da una cultura nonviolenta della promozione umana che non lasci indietro nessuno, che renda la città vivibile e che dia speranza e prospettive alle nuove generazioni.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami