Rifiuti, Mastromauro: «Le istituzioni non hanno fatto abbastanza»

Tanti gli interrogativi che pone l'imprenditrice coratina, invitando a tener conto dei suggerimenti avanzati riguardo alla raccolta differenziata, ancora non compresa da tanti. Si è fatto tutto il necessario per farne capire l’importanza ai cittadini?

Rifiuti, Mastromauro: «Le istituzioni non hanno fatto abbastanza»
Rifiuti, Mastromauro: «Le istituzioni non hanno fatto abbastanza»

L‘imprenditrice Marina Mastromauro torna sul tema dei rifiuti, su cui aveva scritto circa un mese fa riguardo il loro abbandono lungo le strade urbane ed extraurbane, stimolata dal dibattito e dagli attenti commenti che ne sono seguiti.

“Alcuni lettori hanno scritto che un incentivo per convincere i cittadini ad attuare la differenziata sarebbe istituire delle premialità; chi ha suggerito l’installazione di telecamere; chi ancora di applicare sanzioni pecuniarie pesanti; chi invece è convinto che non si possa porre freno alcuno alla cattiva educazione e allo scarso rispetto per l’ambiente che ci circonda.

Ognuna di queste opinioni, ad esclusione dell’ultima che non lascia spazio alla speranza che i comportamenti possano modificarsi e migliorare, sono suggerimenti di cui le Istituzioni dei nostri territori (ma anche di molte zone della nostra Puglia) dovrebbero tener conto.

Io penso che la raccolta differenziata continui a non essere compresa da tanti. Per questo sarebbe auspicabile che ci si chiedesse se davvero si è fatto tutto il necessario per farne capire l’importanza ai cittadini.

Quanti conoscono la differenza fra un foglio di carta pulita e uno imbrattato di olio?

Quanti sanno che il cartone della pizza, pur essendo di carta, non va smaltito nella carta, ma nell’indifferenziata o secco residuo che dir si voglia, perché essendo sporco non è possibile riciclarlo, cioè ricavarci altra carta?

Perché, oltre a eventuali interventi incentivanti (la premialità) o punitive (multe e telecamere) non si creano delle aree ecologiche per quartiere in modo da facilitare la raccolta differenziata e aiutare il cittadino a smaltire i rifiuti anche in giorni diversi da quelli del porta a porta?

Tanti non hanno spazi in casa, molti non hanno nemmeno i balconi per poter conservare per giorni la spazzatura e così la depositano dove capita.

Se l’installazione di isole ecologiche ha tempi di realizzazione non immediati e la raccolta porta a porta, pur essendo un servizio al cittadino, presenta il limite di giorni fissi di prelievo per tipologia di rifiuto, perché nel frattempo non si informano i cittadini con manifesti grandi, fissi per mesi e tanti che è possibile in qualsiasi giorno della settimana conferire il rifiuto presso il Centro di raccolta, evidenziando sui manifesti gli orari di apertura?

Perché in molte zone dove sono presenti insediamenti extraurbani (ville, case di campagna, ecc.) sono stati completamente eliminati i cassonetti per la raccolta differenziata? Perché costringere i residenti di quelle abitazioni a recarsi in città per smaltire i rifiuti?

Quanto, mi chiedo, si è fatto per avvicinarsi al cittadino e agevolarlo affinché rispetti l’ambiente?

La conseguenza è poi quella di lasciare i rifiuti lungo le strade…

Nessuna azione correttiva a riguardo è attuata. Ancora oggi, ad esempio, in nessuna delle piazzole della strada Corato – Bisceglie è stata installata una telecamera e i rifiuti sono tornati al loro posto. Come 1 mese fa.

È cosi complicato decidere e montarle?

Perché non confrontarsi con altre Regioni e capire come è impostata la raccolta differenziata a Firenze, a Bologna, a Perugia, a Verona nelle cui aree urbane ed extraurbane non ci sono rifiuti abbandonati?

Perché in queste città forniscono ai cittadini sacchetti per ogni tipo di rifiuto e da noi solo quello in carta per l’umido e quello rosa per i pannolini? Anche l’acquisto di sacchetti per ogni tipo di rifiuto può essere un problema per i cittadini meno abbienti.

La litoranea che da Barletta va verso Siponto è una discarica a cielo aperto su entrambe le corsie di marcia. Eppure è la strada che conduce a quel gioiello romanico che è la “Basilica di Santa Maria Maggiore” ricostruita in rete metallica dall’artista Edoardo Tresoldi, pubblicizzata in tanti programmi Rai e su molte riviste in cui si decantano le bellezze di Puglia.

Possibile che nessuna Istituzione prenda provvedimenti? È un sito pieno di visitatori e tanti stranieri.

In definitiva, mi chiedo perché le Istituzioni non si chiedano cosa si potrebbe migliorare, come si potrebbe comunicare meglio ai cittadini l’importanza della differenziata, come rendere loro più agevole il conferimento; chiedersi perché, appena si oltrepassa il confine della Puglia, il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti scompare come per incanto o comunque non è così presente come nella nostra Regione.

Tempo fa ho saputo che aumentare i giorni della raccolta dell’umido non era possibile, perché è sospeso il conferimento alla discarica di Trani e la Regione non autorizza più giorni verso altre discariche.

Perché allora non realizzare un impianto di compostaggio nel nostro Comune che potrebbe fornire concime gratis ai nostri agricoltori? Oppure un impianto a Biomassa per fornire energia ai cittadini gratis o a prezzi bassissimi? Tanti comuni in Italia hanno realizzato impianti di questo genere.

Se con umiltà ci si ponesse qualche domanda in più penso che si potrebbero trovare più soluzioni a questo problema che ormai da qualche anno sta rendendo inguardabili (e invivibili) le vie e il paesaggio dei nostri Comuni e della nostra Regione.

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami