“Raccogliamoli”, Centro Italo Venezuelano e Caritas insieme

Domenica 24 febbraio e domenica 3 marzo presso le Caritas parrocchiali sarà possibile donare prodotti per l’igiene personale che saranno distribuiti in Venezuela

Un incontro sulla crisi umanitaria del Venezuela
Un incontro sulla crisi umanitaria del Venezuela

L’attenzione nei confronti del popolo venezuelano in città è sempre maggiore, in particolare alla luce di ciò che sta accadendo a livello internazionale, e a dimostrarlo le numerose iniziative promosse dal Centro Italo Venezuelano. Tra queste si inserisce “Raccogliamoli”, la raccolta di prodotti per l’igiene personale da inviare in Venezuela che si terrà domenica 24 febbraio e domenica 3 marzo, in collaborazione con la Caritas di Corato.

In queste due giornate, presso le Caritas parrocchiali, sarà possibile donare detergenti, spazzolini, dentifrici e tutto ciò che occorre per l’igiene con la certezza che, attraverso l’Associazione Onlus ALI (Associazione Latino Americana in Italia) saranno distribuiti alla rete Caritas del Venezuela su tutto il territorio, in particolare agli ospedali, alle associazioni di volontariato e alle altre istituzioni sanitarie del paese sud americano.

«La collaborazione con la Caritas – spiega la presidente del Centro Italo Venezuelano prof.ssa Rosa Anna Agatino – in realtà risale più o meno allo scorso luglio, quando organizzammo l’evento “LLENEMOS LAS OLLAS” (Pentole solidali),  per raccogliere fondi da destinare alla Caritas venezuelana. Già in quell’occasione, il diacono don Cosimo Iurilli, responsabile della Caritas di Corato, si mostrò  molto sensibile alla situazione del Venezuela e disponibilissimo a collaborare per aiutare un popolo stremato dalla fame, dalla miseria e dalla mancanza di medicine. Rinnovandoci la sua disponibilità abbiamo deciso di promuovere l’iniziativa “Raccogliamoli”. Sono molto contenta di questa collaborazione e soprattutto sono commossa per la grande sensibilità manifestata da don Cosimo e dai suoi volontari che si sono prodigati per la realizzazione dell’evento».

Grande soddisfazione e gioia sono state espresse anche da don Cosimo: «Sono felice di poter contribuire ad una semplice ma importante raccolta di beni necessari ai nostri fratelli venezuelani», ha dichiarato il diacono a nome di tutta la zona pastorale San Cataldo e i volontari delle Caritas parrocchiali.

«In realtà, in queste settimane, la Caritas cittadina – come ha rivelato don Cosimo – si sta impegnando per attivare un “ponte di solidarietà per il Venezuela” a sostegno della popolazione del paese latino americano che sta vivendo una vera emergenza umanitaria».

A conclusione dell’iniziativa “Raccogliamoli”, prima della spedizione, l’arcivescovo Mons. Leonardo D’Ascenzo sabato 9 marzo celebrerà, presso la chiesa di San Giuseppe, una Santa Messa pregando per la critica situazione del Venezuela. Al termine della Celebrazione l’arcivescovo si recherà nel Centro Italo Venezuelano per incontrerà la comunità italo venezuelana di Corato.

Un legame indissolubile unisce i due popoli che, in un momento storico come oggi, si rafforza con gesti di vicinanza e solidarietà. A tale dimostrazione l’auspicio è che anche la bandiera venezuelana torni ad essere esposta all’esterno del Palazzo di Città rimossa in occasione delle luminarie natalizie.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami