Project M di Michele Pinto premiato in Indonesia

Ancora strepitosi riconoscimenti per il pluripremiato Project M del regista ruvese Michele Pinto che si classifica al secondo posto del "World Human Rights Awards" a Bali, in Indonesia, un festival di cinema internazionale che focalizza l'attenzione sui diritti umani.

Project M corato
Project M di Michele Pinto è stato premiato in Indonesia nel festival del cinema per i diritti umani

È l’Indonesia che riconosce l’ennesimo premio per il cortometraggio di Project M del regista ruvese Michele Pinto.

Sono stati proclamati pochi giorni fa, infatti, i vincitori del Festival internazionale di Cinema “World Human Rights Awards” a Bali, che ogni anno premia le opere, le serie e gli interpreti che hanno saputo focalizzare l’attenzione del pubblico sui temi dei diritti fondamentali dell’uomo.

Tra questi, anche Project M, totalmente made in Puglia si è classificato al secondo posto a livello mondiale, meritando il premio d’argento che verrà consegnato dal re dell’Isola di Bali Sri Anglung Prabu Djajanagara a metà aprile.

Ancora un grande motivo d’orgoglio per casa Morpheus Ego, la casa di produzione fondata dallo stesso regista Pinto nel 2000. Un lavoro arduo che rappresenta l’arte come via di fuga da una realtà sterilmente e tristemente omologata e una via salvifica verso la libertà che ci rende succube dei potenti. Una metafora della realtà corrente destinata ad un futuro distopico. Project M da subito si è presentato come un’opera coraggiosa, provocatoria e innovativa, con un cast formato da attori di provenienza teatrale e cinematografica come Isabella Ragno, Fabrizio Fallacara e lo stesso Francesco Tammacco. Cast ulteriormente impreziosito dalla modella, attrice e produttrice cinese Xin Wang.

Dopo Ustica, Caorle, Seoul, ed Amburgo dove tra l’altro Michele è stato invitato a tenere una conferenza in inglese sul moderno cinema italiano, Project M è stata selezionata nelle ultime settimane anche al Tuscany Webfest poi all’Underground Sci-fi film fest di Monaco di Baviera.

Dopo aver infatti trionfato ai Rome Web Awards 2017 (gli Oscar italiani del web) lo scorso maggio, con 9 premi vinti tra cui miglior sceneggiatura a livello assoluto, miglior cast, miglior prodotto di fantascienza ecc., Pinto è stato l’unico regista italiano in gara al Berlin Sci-fi Filmfest, festival internazionale di fantascienza svoltosi nel cinema Babylon della celeberrima piazza Rosa Luxembourg, nella capitale tedesca, il 17 e il 18 novembre scorsi. Dal 24 al 26 novembre, al museo nazionale delle arti del XXI secolo Maxxi, ha rappresentato la sua regione al Roma web fest, un evento di grande rilievo, organizzato in collaborazione con Siae, Mibact, Sky, Regione Lazio e Cinecittà.

Qui Project M ha ottenuto ben 12 nomination, tra cui quelle per la regia, la sceneggiatura, il montaggio, la colonna sonora, gli attori protagonisti e i costumi, oltre che – naturalmente – per la miglior opera science fiction/fantasy e migliori effetti speciali. Mentre altre  ancora ne ha ottenute lo scorso 23 Ottobre all’ International Online Webfest di Londra dove in gara le serie italiane selezionate sono state solo due.

 

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments