Presunto conflitto di interesse dell’assessore Perrone, il verbale del Consiglio Comunale finisce in Procura

Il presunto conflitto di interesse sulla delega all’urbanistica del sen. Perrone nell’amministrazione comunale finisce all’attenzione del Procuratore della Repubblica di Trani. 

Nel corso del Consiglio Comunale celebratosi lo scorso 19 luglio il consigliere comunale di opposizione Renato Bucci aveva pronunciato un duro intervento sollevando alcune perplessità circa le deleghe conferite al vicesindaco Scaringella e agli assessori Mangione e Perrone. 

Relativamente al “caso Perrone”, Bucci aveva evidenziato «una incompatibilità sostanziale ed in particolare il rischio che, considerati i rapporti del Senatore con una azienda operante nel territorio in posizione eminente nel settore impiantistico, si determinasse in concreto un condizionamento ambientale nel settore edilizio, ossia si radicasse la patologica e deviata convinzione che rivolgersi a quell’impresa potesse essere un viatico per ottenere trattamenti di privilegio da parte della Pubblica Amministrazione».

A fronte di tale osservazione lo stesso Senatore Perrone aveva richiesto ufficialmente al presidente del Consiglio Comunale che i verbali e gli atti di quel consiglio comunale venissero consegnati alla Procura della Repubblica. 

Proprio nella giornata di oggi lo stesso consigliere Bucci ha consegnato nelle mani del Procuratore i verbali di quel consiglio. «Poichè non ho notizia che il presidente si sia attivato in tal senso, Le trasmetto io stesso il suddetto verbale, ed in allegato la delibera adottata, affinchè valuti la sussistenza di condotte delittuose meritevoli di suscitare un procedimento penale» conclude Bucci nella missiva inviata al Procuratore.

Interpellato sulla vicenda, il Segretario Generale, attualmente fuori sede, ha affermato che generalmente i verbali vengono inviati dagli uffici ad avvenuta eseguibilità delle deliberazioni.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami