Premio “Le Torri di Corato”, una serata dedicata alle eccellenze creative

Ai nastri di partenza la 6^ edizione del
Ai nastri di partenza la 6^ edizione del "Premio Le Torri di Corato"

Per il terzo anno consecutivo, LO STRADONE ha rinnovato l’ormai consolidato appuntamento della città con le eccellenze coratine riconosciute in tutto il mondo.

Dopo le personalità di spicco dello spettacolo e quelle operanti nel tessuto professionale ed imprenditoriale, la creatività ha rappresentato il filo conduttore della terza edizione del Premio “Le Torri di Corato”.

Il doveroso ricordo delle vittime degli attacchi terroristici avvenuti a Parigi nella serata di venerdì, affidato al presidente dell’associazione “Lo Stradone Editrice” Corrado De Robertis accompagnato dalle note della Marsigliese suonate al pianoforte da Antonio Molinini, ha aperto la manifestazione.

La serata, presentata da Marina Labartino, vice direttore de LO STRADONE, e Luigi Di Zanni, artista poliedrico nonché voce solista degli Hugu Tugu prima e dei Taverna Nova poi, ha visto salire sul palco del gremito teatro comunale 8 concittadini, giunti per lo più da altre città italiane ed estere che, con il proprio genio creativo, hanno saputo distinguersi e farsi apprezzare a livello nazionale ed internazionale.1

I riconoscimenti di questa terza edizione del Premio “Le Torri di Corato” sono stati consegnati a Domenico Petrone, fondatore e presidente di Viasat Group, azienda leader in Europa nei sistemi di sicurezza telematica satellitare; Tarshito (all’anagrafe Nicola Strippoli), architetto e designer, noto per le sue sperimentazioni eccentriche e contaminazioni indiane; Pino Leone, fashion photographer, ogni suo scatto celebra l’elegante bellezza di persone e luoghi; Mariateresa Padula, scenografa e decoratrice di ambienti, i suoi allestimenti scenici hanno arricchito celebri rappresentazioni cinematografiche, televisive e teatrali; Nicolas Vangi, pittore e insegnante di Arte e Terapia per conto della Epilepsy Foundation of Florida, le sue opere dalle atmosfere visionarie e sinaptiche sono quotate in Europa, USA e Medioriente; Gregorio Sgarra, pittore eclettico, apprezzatissime le sue icone sacre dal sapore bizantino e le sorprendenti videoinstallazioni contemporanee; Luigi Quinto, scultore, i suoi crocifissi in legno sono tra i più grandi del mondo ad essere esposti al culto, in lizza per entrare nel Guinness dei Primati; Arcangela Gallo, l’arte dei preziosi ed evanescenti merletti a tombolo, ormai a rischio di estinzione, per lei non ha segreti.

Domenico Petrone e Tarshito, due degli otto creativi premiati
Domenico Petrone e Tarshito, due degli otto creativi premiati

Non sono mancati gli intermezzi musicali affidati alle voci del tenore Vito Cannillo, Mara Musci e Luigi Di Zanni, accompagnati dal vivo da Antonio Molinini ed Enzo Cicchelli al piano, Pietro Grassitelli alle percussioni, Aldo De Palma alla chitarra e Pietro Catucci al violino.

Cantanti e musicisti della serata
Cantanti e musicisti della serata

La gallery fotografica della serata ed il racconto dettagliato degli interventi saranno pubblicati nel numero di Dicembre de LO STRADONE.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami