Premio “Le Torri di Corato” 2019: chi è Francesca Romana Grati

Conosciamo i protagonisti della VI edizione del Premio indetto dall’associazione Lo Stradone Editrice, che si terrà sabato 6 aprile alle 20:00 presso il Teatro Comunale di Corato

Premio
Premio "Le Torri di Corato" 2019: chi è Francesca Romana Grati

Biologa, genetista clinico di laboratorio certificato a livello europeo (European Board of Medical Genetics) e dottore in patologia umana ed ereditaria, la dott.ssa Francesca Romana Grati conta, tra gli antenati coratini, la nonna paterna, Maria Abruzzese, coniugata con l’Ufficiale di Stato Maggiore Mirto Grati, le cui spoglie riposano nel Cimitero di Corato.

Nel 1996 si Laurea a pieni voti in Scienze Biologiche presso l’Università di Milano con sede a Varese con una tesi svolta sui tumori della colecisti (Ospedale di Circolo di Varese); nel 2000 si specializza in citogenetica – genetica medica summa cum laude presso l’Università di Pavia con una tesi sulla genetica e l’epigenetica dei tumori della testa e del collo. Successivamente, si indirizza verso la genetica della riproduzione attraverso un dottorato di ricerca presso l’Università di Pavia e, nel 2004, si dottora summa cum laude con una tesi sulla genetica e l’epigenetica della restrizione della crescita intrauterina (IUGR) sviluppata in collaborazione con l’Università di Milano (Dipartimento di Genetica Medica, Ospedale San Paolo).

Attualmente ricopre il ruolo di Direttore Ricerca e Sviluppo presso l’Istituto TOMA Advanced Biomedical Assays S.p.A. (Busto Arsizio, Varese, Italia), è membro del board dei direttori della società internazionale di diagnosi prenatale e terapia fetale (ISPD) e coordinatore del gruppo nazionale di citogenetica e citogenomica della società italiana di genetica umana (SIGU).

È anche membro del board editoriale di Prenatal Diagnosis journal, membro attivo e gruppo di lavoro “SIGU sanità” della Società italiana di genetica umana e della “Commissione del primo trimestre” della Società italiana di ecografia in Ostetricia e Ginecologia (SIEOG), membro dell’American College of Medical Genetics (ACMG) e della European Society of Human Genetics (ESHG). Nel 2011 è stata membro di una commissione della Comunità Europea su un progetto di armonizzazione europea per le tecnologie NIPT. È inoltre membro del comitato consultivo di esperti di Roche e consulente per Menarini Biomarkers.

Gli interessi specifici della dott.ssa Francesca Romana Grati sono nella diagnosi prenatale e nella genetica fetale. La sua ricerca si concentra principalmente sulla comprensione dell’epidemiologia delle anomalie cromosomiche nella popolazione prenatale, sulla genetica e sull’epigenetica della placenta, sui mosaicismi feto-placentari e sul loro impatto sulla diagnosi preimpianto, diagnosi prenatale e sui test prenatali non invasivi. È inoltre impegnata nella valutazione di nuove tecnologie in ambito clinico, nella loro messa a punto e validazione e nello sviluppo di linee guida del laboratorio clinico perché crede che attraverso queste buone pratiche di laboratorio si possano ridurre le disuguaglianze nelle cure attraverso il sistema sanitario.

Ha pubblicato numerosi articoli su prestigiose riviste di settore ed è relatore invitato ad importanti convegni scientifici nazionali e internazionali.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami