“I percorsi del vino”, buona la prima

Oltre 800 i ticket di degustazione staccati dalla Pro Loco Quadratum in Largo Abbazia per la prima edizione dell'iniziativa

i percorsi del vino
I percorsi del vino, iniziativa della Pro Loco Quadratum

Buona la prima edizione de “I percorsi del vino”, l’iniziativa organizzata dalla Pro Loco Quadratum a Corato sabato 21 ottobre in Largo Abbazia.

In alto i calici. Il novello sarà pronto tra fine mese e gli inizi del prossimo, ma la Pro Loco Quadratum ha voluto già annunciare la bontà dell’annata 2017 con la prima edizione de “I percorsi del vino”.

Tripudio di bianco, rosso e verde in Largo Abbazia, allestita come l’aia di una cantina: bionde botti, grappoli d’uva bianca e nera, tralci di verdeggianti pampini e tutti gli attrezzi utili a rievocare il rito della pigiatura. Uno spettacolo ricco di colori e profumi che affonda le proprie radici nella tradizione contadina più antica.

Atmosfera impareggiabile anche presso gli stands degustativi dove i sommelier AIS e gli alunni dell’Istituto Comprensivo Oriani-Tandoi indirizzo alberghiero, addetti al servizio mescita, hanno portato in scena perle enologiche selezionate tra le migliori cantine del territorio (circa una quindicina) in abbinamento a prelibati piatti approntati al momento: pennette pancetta e pomodorino, panzerotti pomodoro e mozzarella, panini con hamburger vegetariano e cantucci, grazie a due importanti realtà aziendali coratine: Casillo e Granoro.

Oltre le aspettative il successo. Complice la tiepida serata di mezzo autunno, dalla postazione Pro Loco sono stati staccati più di 800 ticket degustazione. Al modico prezzo di 10 euro ogni enonauta ha ricevuto il calice in vetro e il portabicchiere in stoffa, nonchè l’accesso alla degustazione di cinque etichette e delle quattro specialità gastronomiche.

Nel corso delle libagioni spazio anche alla buona musica con un repertorio variegato, italiano ed estero, che ha spaziato dagli anni ‘60 ad oggi.

Un’occasione per consentire a cittadini stanziali e dei paesi viciniori, soprattutto giovani, di scoprire che anche la nostra città possiede attrattive turistiche grazie alle capacità organizzative delle associazioni di volontariato, in questo caso la Pro Loco, la quale così dimostra, ancora una volta, l’amore per la propria terra.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteModa e fotografia a sostegno della LILT
Prossimo articoloI risultati delle squadre coratine
Maria Labartino (nota come Marina) - Ex Direttore Responsabile. Esordisce su LO STRADONE nel 1986. Laurea in Scienze della Formazione. Iscritta all'ODG dal 1998. Presentatrice occasionale. Da oltre 30 anni scrive di tutto e su tutto con sete di verità, consapevole di "sapere di non sapere" (cit. Socrate). Vincitrice del Premio Michele Palumbo 2019 come "Editorialista dell'Anno" al concorso dell'Ordine dei Giornalisti di Puglia "I fatti, le idee, le opinioni" organizzato dal Circolo della Stampa BAT

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami