Pasquale D’Introno alle primarie del centrodestra

Con un comunicato il dott. D’Introno comunica ufficialmente la sua candidatura alle primarie che il 24 marzo eleggeranno il candidato sindaco del centrodestra

Il prossimo 24 marzo a Corato si terranno le primarie del centrodestra che eleggeranno il candidato sindaco delle amministrative 2019. I due candidati sono Luigi Menduni e Pasquale D’Introno.

Pubblichiamo di seguito la nota giunta in redazione dal comitato del candidato alle primarie del centrodestra Pasquale D’Introno.

“Il dott. Pasquale D’Introno si è candidato per le primarie che eleggeranno il candidato sindaco del centrodestra per le prossime amministrative. In maniera responsabile ha dato la sua disponibilità a lavorare in favore della città e al suo fianco hanno deciso di impegnarsi già da subito associazioni culturali, sportive e del terzo settore, giovani cittadini e un’area trasversale che mette insieme tante realtà dell’impresa, delle libere professioni, della scuola e dell’agricoltura. La sua candidatura verrà anche supportata da “Direzione Italia”, “Forza Italia”, “Fratelli d’Italia”, “IDeA Popolo e Libertà” e da tutti quei soggetti che si riconosceranno in questo percorso comune.

Domenica 24 marzo sarà, innanzitutto, una festa di popolo e siamo sicuri che i cittadini riporranno fiducia in una persona preparata, attenta e capace di rappresentare al meglio il sentire della nostra Corato.

48 anni, libero professionista, laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Bari con il massimo dei voti, Pasquale D’Introno è stato manager a livello nazionale di importanti aziende operanti nei settori del food e della GDO, farmaceutico, produzioni agricole oltre ad essere stato consulente dell’Agenzia Regionale FinPuglia.

Sposato e papà di tre figli, dopo le esperienze di lavoro fuori dalla nostra città, ha deciso di tornare e impegnarsi professionalmente per lo sviluppo e la crescita del nostro territorio.

Dal 2014 è il presidente della Cooperativa Lavorazione Prodotti Agricoli “Terra Maiorum”di Corato .

Cresciuto negli ambienti dell’Azione Cattolica della parrocchia di San Giuseppe, oggi è priore della Confraternita del Santissimo Sacramento.

Da sempre impegnato nel sociale e nell’associazionismo giovanile, crede fortemente in un sano percorso per i giovani che coniughi lo studio, il lavoro, lo sport e l’impegno nel volontariato.

«Nel raccontarmi non voglio esibire titoli, ma solo l’esperienza del mio lavoro e tanta capacità di ascolto. Sono figlio di una famiglia semplice e bellissima; mia madre è casalinga e mio padre, emigrato giovanissimo in Venezuela, è poi tornato qui per lavorare in fabbrica alla Magneti Marelli. Non ci hanno fatto mancare mai nulla, ma bisognava meritarselo. Loro mi hanno insegnato il sacrificio e il rispetto verso tutti. Questi sono i valori da cui partire per costruire un impegno in favore dei cittadini», ha dichiarato Pasquale D’Introno.

Sono convinto che una città può crescere solo se si riconosce un ruolo centrale alla Persona. Questo si può raggiungere creando le condizioni per assicurare lavoro, servizi adeguati e accessibili, ma soprattutto puntando su una sinergia fondamentale tra scuola, cultura, sport, impresa e sicurezza. Nei prossimi anni la vera scommessa ruota intorno alla salvaguardia ambientale del nostro territorio e delle campagne, costruendo il necessario e tutelando l’esistente; puntando sulla “bellezza” come fondamentale parametro di tutela dell’identità culturale di questa città.

In prima linea nella protesta degli agricoltori e al fianco dei gilet arancioni, Pasquale D’Introno ritiene che “la tutela del valore del raccolto e una maggiore spinta alla filiera della trasformazione prodotti agricoli sia la strada per creare nuovi stimoli al commercio, all’artigianato e all’imprenditoria locale”.

La storia del nostro territorio ci ricorda che intorno al comparto primario ruotano tutti gli altri settori; pertanto una crisi dell’agricoltura genera diseconomie per l’intera comunità locale.

Sarò fiero di rappresentare questa città fatta di donne e uomini per bene, che ogni giorno lavorano e si impegnano affinché la “terra dei padri” sia rispettata e porti frutto e un futuro certo per tutti. “Corato si costruisce insieme”.

 

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami