NMC: +4 al Cus Foggia per un secondo posto matematico

Partita di nervi e cuore vinta negli ultimi secondi. PalaLosito ancora inviolato e C Silver a portata di mano

NMC: +4 al Cus Foggia per un secondo posto matematico

Vittoria di cuore e nervi, la sesta consecutiva, quella che permette alla NMC di blindare il secondo posto della Poule Promozione, girone A, mantenendo ancora inviolato il PalaLosito. Il Cus Foggia, arresosi solo negli ultimi 2 secondi sul 75 – 71, ha disputato un’ottima partita e ha avuto il merito di esser riuscito a impostare la gara sui propri ritmi mettendo seriamente in difficoltà la Nuova Matteotti Corato. Alla fine l’ha spuntata chi ha avuto il sangue freddo di commettere meno errori e capitalizzare le occasioni migliori. La partita, non particolarmente veloce, è stata caratterizzata da poca incisività, da entrambe le parti con tante possibilità di cambiare l’inerzia, di fatto, mai sfruttate.

Cipri, Gatta Aldo, Egedi, Jarrett e Mazzilli. Questo il quintetto scelto da Cadeo per l’avvio. È fulminea la partenza della NMC che, subito dopo la palla a due, realizza i primi punti con Jarrett dalla media. Foggia, invece, sembra non entrare col piglio giusto e fa fatica a trovare la via del canestro. Tuttavia il ritmo è relativamente basso e gli ospiti hanno la possibilità di trovare la giusta dimensione e iniziare a segnare. Corato non fa fatica a girare la palla e costruisce attacchi vincenti con regolarità. Al termine dei primi dieci giri di lancetta il punteggio di 25 – 16 rispecchia perfettamente l’andamento della gara.

Al rientro il CUS Foggia ha una marcia in più e in soli 3 minuti ricuce il gap e si fa pericolosamente sotto, 27 – 25. Cadeo è costretto a chiamare time-out. Seguono fasi in cui la NMC fa più fatica del previsto a segnare. Bisognerà aspettare il quinto minuto quando Cipri, dalla lunetta, sblocca i suoi. La situazione migliora ma si segna ancora poco e i dauni ci credono. Ma, proprio sulla sirena, Laquintana da centrocampo segna una bomba che dà puro ossigeno e morale alla NMC. Si va al riposo lungo con il punteggio di 38 – 32.

In apertura del terzo periodo la Nuova Matteotti Corato inizia a correre come è abituata a fare e in meno di due minuti piazza un parziale di 6 – 0. Anche il ritmo partita sembra aumentare ma, al di là di qualche fiammata, le due squadre corrono tanto e producono poco. I dauni sono più ispirati e fruttano al meglio gli errori dei padroni di casa tanto che, a un minuto dal termine del terzo mini-tempo, sono a -2. Sarà la schiacciata di Egedi, lanciato in contropiede sulla sirena, a far chiudere 55 – 51, per un’ultima frazione che si preannuncia al cardiopalma.

Gli ultimi dieci giri di lancetta vedono un Cus Foggia particolarmente stanco costretto a commettere fallo per provare a contenere la NMC. Grazie al bonus, infatti, Corato ha a disposizione diversi giri in lunetta con i quali aumenta il vantaggio. Gli ospiti, però, non hanno alcuna intenzione di gettare la spugna e, riavutasi da un breve smarrimento, ritrovano continuità offensiva. Al quinto minuto sono solo 2 le lunghezze che separano le due squadre, 61 – 59. Il pareggio arriva al settimo con Dell’Aquila dalla lunetta che fa due su due. 61 – 61.

L’enfasi è breve perché, nell’azione successiva, Laquintana segna un libero e Mazzilli è pronto a raccogliere il rimbalzo per segnare il +3. Il clima diventa incandescente. Entrambe le squadre sono in bonus e la palla è pesantissima. Praticamente si tratta di una gara di nervi dove a vincere sarà chi sbaglierà di meno. E a 1.30 dal termine, Foggia, lanciata in contropiede, riesce anche a sorpassare. Immediatamente dopo Aldo Gatta subisce fallo da tre punti e li segna tutti e tre rimettendo due lunghezze di vantaggio. Padalino N. però, con un altro gioco da tre punti, riporta i suoi sul +1. Ad essere decisivo potrebbe essere il fallo antisportivo su Mazzilli. Il lungo coratino segna entrambi i liberi ribaltando il vantaggio. Come detto, la partita ora è giocata sul piano dei nervi e Chiappinelli commette un altro antisportivo per i suoi, ai danni di Laquintana. Il play coratino ne segna solo uno ma, dal possesso successivo trova lo spunto per servire Mazzilli che da sotto sigilla il 75 – 71 che consacra il secondo posto in classifica e l’imbattibilità stagionale al PalaLosito.

PARZIALI:

25 – 16, 38 – 32, 55 – 51, 75 – 71.

TABELLINI:

NMC: Gatta A. 7, Laquintana 9, Cipri 9, D’Imperio 2, Gatta C., D’Introno 5, Jarrett 10, Scaringella 1, Mazzilli 21, Egedi 12. All. Cadeo

Cus Foggia: Chiappinelli 13, Metella, Lioce 2, Padalino N. 15, Padalino E., Vigilante 2, Carrillo Pa. 5, Carrillo Pi. 2, Dell’Aquila 15, Vuovolo 15.  All. Lamacchia

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami