Movimento Schittulli: «Anche il mercato torni in centro»

Dopo la Fiera di San Cataldo, l'auspicio di Malcangi è che anche il mercato del sabato venga spostato nel suo luogo originario

Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma del coordinatore cittadino del Movimento Schittulli, Mario Matteo Malcangi, riguardo allo spostamento della Fiera di San Cataldo in centro e alla richiesta di far tornare nella sua ubicazione orginaria anche il mercato.

Con la delibera n. 48 del 30.04.2018 l’amministrazione Mazzilli ha deciso di riportare“in via sperimentale”la fiera di maggio nota come fiera di San Cataldo in largo Plebiscito e Corso Mazzini.

Tale opportuno, ma colpevolmente tardivo provvedimento, non può che trovare tutta la nostra positiva considerazione e riteniamo abbia suscitato notevole gradimento in molti nostri concittadini.

Ci sono voluti, infatti, oltre 10 anni per (finalmente!!) rendersi conto che l’ubicazione precedente nella zona di via Santa Maria aveva condannato la manifestazione di maggio, così come quella di settembre, ad un lento ma inesorabile declino. Declino tanto palese da essere evidenziato anche nella stessa delibera del 30 aprile nel momento in cui si indica che le richieste di partecipazione alle manifestazioni fieristiche nel periodo 2010/2017 sono passate da 120 a 40 (cioè una riduzione del 66%).

Tale abbandono si è tradotto in danni economici per gli operatori, che evidentemente non confidavano più nel successo di queste manifestazioni, e per la tutta la nostra comunità che ha visto, negli anni, scemare sempre più l’interesse per questi eventi.

La crisi, le problematiche, i disagi che hanno colpito queste manifestazioni sono le stesse denunciate per il nostro “mercato del sabato”.

Come tutti ricorderanno anche il “mercato” fu trasferito “provvisoriamente” nel 2007 dalla sua ubicazione originaria (Corso Mazzini, P.zza Plebiscito, Piazza Di Vagno) nella zona di Via Santa Maria per consentire i lavori di rifacimento della pavimentazione di Corso Mazzini.

Terminati i lavori, però, il mercato settimanale è rimasto in quella sede provvisoria (e probabilmente sarebbe destinato a rimanerci per molti anni ancora) anche per accontentare alcuni cittadini residenti su Corso Mazzini che poco gradivano e poco gradirebbero “l’invasione del sabato”.

A nulla sono valse le lamentele degli operatori mercatali alle prese con fatturati sempre più in calo e quelle dei residenti della zona mercatale per i disagi a lungo sopportati.

Il Movimento Politico Schittulli alla luce di quanto riscontrato in questi ultimi giorni chiede (e si batterà per questo nelle sedi opportune chiedendo il sostegno di tute le altre forze politiche che condivideranno tale richiesta) che anche il “mercato del sabato” ritorni nella sua sede originaria in modo da poter facilitare in maniera costante e duratura la ripresa economica e sociale del nostro centro storico.

A tal proposito proponiamo anche il coinvolgimento, anche nella nuova area marcatale, di Piazza Abbazia da poco restituita alla piena fruibilità dei cittadini dopo un imponente lavoro di riqualificazione ma anche purtroppo oggetto di ripetuti atti vandalici.

Non basta infatti movimentare una piazza o un strada per tre giorni a maggio e a settembre. Occorre invece un progetto di rilancio che veda il nostro centro storico protagonista di attività di aggregazione, di commercio di sviluppo economico e sociale.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami