Momenti di preghiera per la Quaresima e il Santo Patrono

Giovedì 7 marzo in Chiesa Matrice alle ore 20 è previsto un momento di adorazione cittadina per la preparazione alla Quaresima, mentre il giorno successivo si terranno una serie di momenti di preghiera in suffragio di San Cataldo

Momenti di preghiera per la Quaresima e il Santo Patrono
Momenti di preghiera per la Quaresima e il Santo Patrono

Con l’arrivo dei prossimi giorni la Zona Pastorale San Cataldo organizza una serie di momenti di preghiera, in preparazione alla Pasqua.

Giovedì 7 marzo in Chiesa Matrice alle ore 20 è previsto un momento di adorazione cittadina per la preparazione alla Quaresima, il giorno successivo si terranno una serie di momenti di preghiera in suffragio di San Cataldo sempre in Chiesa Matrice.

Alle ore 10,30 è prevista la Santa Messa, alle ore 18,15 il Rosario Meditato, alle ore 19 la Santa Messa presieduta da Monsignor Leonardo D’Ascenzo, arcivescovo di Trani- Barletta- Bisceglie.

“Questo momento – scrivono dalla zona Pastorale – è aperto in modo particolare al mondo del lavoro e delle professioni per invocare con fede San Cataldo affinché aiuti nelle situazioni di bisogno e di difficoltà che le diverse categorie stanno vivendo.

È importante menzionare chi è il nostro Santo Patrono, e i tre momenti in cui San Cataldo viene ricordato nella nostra città. La domenica dopo Ferragosto è il momento estivo, l’8 marzo del 685 il monaco irlandese e vescovo di Taranto, e patrono di Corato, tornava al cielo, precisamente 1334 anni fa. Morì a Taranto l’8 marzo del 685 e fu seppellito nella chiesa di san Giovanni in Galilea, allora Duomo della città. Fonti e bibliografie certe, documentano che il 10 maggio 1071, altro momento liturgico presente nell’edizione del Martirologio Romano, mentre si scavavano le fondamenta per la riedificazione della Basilica Cattedrale tarantina, distrutta dai Saraceni nel 927, sia stata ritrovata, sulla scia di un profumo inebriante, una tomba, contenente il corpo attribuito a san Cataldo con una crocetta aurea, su cui era incisa: “Cataldvs,Rachau”.

I suoi genitori si convertirono al cristianesimo e da loro ricevette l’educazione e l’amore per la preghiera, l’obbedienza, l’ordine, la mortificazione, e lo spirito di sacrificio e del lavoro. Morti i genitori, il figlio decise di donare tutta l’eredità di famiglia ai poveri. Seguì la formazione cristiana a Lismore in Irlanda, dove nel 637 fu ordinato sacerdote e in seguito divenne abate. Nel 670 fu consacrato vescovo e tra il 679 e 680, si recò a visitare la Terra Santa come pellegrino, come una forma di martirologio bianco o verde per ricalcare nei luoghi, dove era vissuto Gesù Cristo con i suoi discepoli. La tradizione lo vuole a Taranto, dove su ispirazione del Cristo, andò a evangelizzare quei luoghi dall’invasione pagana mentre stava rientrando dalla Terra Santa. Sbarcò a 11 km da Lecce con una nave greca e oggi quel luogo prende il suo nome “Marina di San Cataldo”. A Taranto Cataldo compì la sua grande opera evangelizzatrice, facendo abbattere i templi pagani e soccorrendo i bisognosi. Ovunque passò, i residenti di quei luoghi decisero di dedicarli a lui cambiando il nome delle loro città in “Cataldo”. Fu un grande pastore di anime ed evangelizzatore”.

“L’esempio e la vita di San Cataldo – ha dichiarato don Giuseppe Lobascio, vicario zonale – ci invita a metterci alla sequela di Cristo con la vita e le opere”.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami