Modificata la legge regionale sugli agriturismi

A presentare l’emendamento, approvato in questi giorni, il consigliere regionale Francesco Ventola, interpellato dal consigliere comunale Pasquale Pomodoro che ieri hanno incontrato alcuni titolari di agriturismi di Corato

In sede di approvazione della legge di bilancio regionale, è stata modificata una norma della legge regionale sugli agriturismi che limitava il numero dei coperti utili all’offerta di ristorazione.

A presentare l’emendamento, approvato in questi giorni, il consigliere regionale Francesco Ventola, interpellato dal consigliere comunale Pasquale Pomodoro.

«Dopo aver ricevuto una segnalazione da parte di un agriturismo coratino – ha affermato ieri pomeriggio Pomodoro durante l’incontro con Ventola e alcuni titolari di masserie – prendendo spunto dalla normativa della regione Emilia Romagna ho elaborato una proposta di modifica della legge regionale affidandola al mio caro amico Ventola».

«Gli agriturismi non sono ristoranti. – ha dichiarato Ventola – Ci sono criteri che li distinguono e i clienti lo sanno bene. Inoltre la Puglia votata al turismo ha nella ristorazione uno dei suoi punti di forza e gli agriturismi sono una tipologia molto apprezzata. Ecco il motivo dell’emendamento di modifica della legge regionale sugli agriturismi che ho presentato affinché chi lavora in questo settore non sia penalizzato da criteri rigidi che prevedono il numero massimo di pasti giornalieri».

Ventola accolto in una delle strutture presenti nel Parco dell’Alta Murgia si è reso conto personalmente delle condizioni in cui spesso lavorano gli agriturismi, soprattutto in questo particolare territorio dell’Alta Murgia con una serie di  difficoltà, presidiando il territorio garantendo la loro presenza tutti i giorni dell’anno ed offrendo agli ospiti ,spesso stranieri, la possibilità di soggiornare e di gustare le tipicità gastronomiche pugliesi.

Modificata la legge regionale sugli agriturismi
Il consigliere comunale Pomodoro e il consigliere regionale Ventola

A essere modificato l’articolo 4 , comma 3 della legge regionale n. 42 del 2013. L’emendamento approvato in Consiglio regionale, per la precisione, ha chiesto, e ottenuto, (a breve ci sarà la pubblicazione ufficiale) la sostituzione del testo della lettera c, che prevedeva il massimo di 85 pasti giornalieri, con il seguente “posti tavola in numero non superiore alla media di 50 pasti giornalieri su base mensile”.

«Ci si è resi finalmente conto – hanno dichiarato soddisfatti gli operatori del settore incontratisi ieri – che per le particolari condizioni di lavoro degli agriturismi si verificava che spesso durante la settimana si utilizzavano pochi coperti, mentre invece nei giorni festivi vi era a volte la necessità di andare oltre il numero dei coperti autorizzati dalla Regione e dal Comune in sede di licenza. Tanto provocava spesso contestazione da parte degli organi di controllo che procedevano a sanzionare».

Con l’emendamento di Ventola si individua il numero di 50 coperti massimi su base mensile e non su base giornaliera e in questa maniera si pone un limite al numero massimo dei coperti ma avendo come riferimento non la singola giornata ma l’intero mese.

Ringraziando il consigliere comunale Pomodoro e il consigliere regionale Ventola dell’intervento, i titolari degli agriturismi coratini hanno auspicato che questo possa essere il primo passo verso una  riconsiderazione generale della legge regionale che alcuni anni fa tentarono nuovamente di modificare ma senza giungere all’obiettivo sperato.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami