MaÎtresse coratina gestiva una casa d’appuntamento a Terlizzi

In un finto centro benessero le ragazze che vi lavoravano si concedevano ai clienti occasionali per rapporti sessuali a pagamento

Arrestati due pusher, spaccio in un sottano
Arrestati due pusher, spaccio in un sottano

C‘era una maÎtresse coratina dietra la gestione di una casa d’appuntamento a Terlizzi. Un continuo andirivieni di uomini, tutti di mezza età, aveva destato sospetti sulla reale attività svolta all’interno del nuovo centro benessere “Aloha”, da poco aperto a Terlizzi, in un appartamento sito al secondo piano di un palazzo.

Sospetti confermati. Dietro l’attività di centro massaggi si nascondeva la gestione di una vera e propria casa d’appuntamento, la cui responsabile era una 50enne originaria di Corato che aveva da subito pubblicizzato il centro su diversi siti internet.

Indossavano solo pochi capi di biancheria intima le due giovani ragazze italiane che venerdì pomeriggio sono state sorprese all’interno di un “centro benessere” mentre si concedevano ai clienti occasionali per rapporti sessuali a pagamento. A individuarle nell’appartamento sono stati i carabinieri della tenenza di Terlizzi, insieme ai colleghi della Guardia di Finanza della Tenenza di Molfetta.

Il loro immediato intervento ha permesso di far venire alla luce ciò che in realtà accadeva all’interno di quel così tanto richiesto beauty center.

Infatti, si appurava che i massaggi erano eseguiti in piena nudità, con il probabile fine del raggiungimento di un “piacere finale” e all’interno del centro, le dipendenti, senza indumenti addosso, si adoperavano per soddisfare le esigenze dei clienti, non compiendo atti sessuali completi, ma “avvalendosi delle loro capacità di massaggiatrici”.

Le prestazioni sarebbero state pagate alle massaggiatrici di turno, alle quali veniva corrisposto una percentuale del 25%, dietro rilascio di regolare fattura. Un massaggio poteva arrivare a costare anche 130 euro.

Sottoposti a sequestro macchinari e prodotti utilizzati nell’attività, il personale della Guardia di Finanza sta procedendo all’analisi delle scritture contabili per l’accertamento di ulteriori illeciti di natura fiscale.

La 50enne maitresse, su disposizione dell’autorità giudiziaria tranese, che dirigeva tutte le fasi delle indagini, è stata arresta e ristretta presso la propria abitazione in attesa del giudizio.

 

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio Lupo
Giorgio Lupo
2 anni fa

Beh…. anche quello è “benessere”, no? 😉