Corato Calcio, le pagelle di Nico Como

CORATO CALCIO - MOLFETTA CALCIO: 1-0

le pagelle di nico como
Le pagelle di Nico Como

“Le pagelle di Nico Como” è la rubrica a firma di Nico Como che, ogni settimana, assegna i voti alle prestazioni di ciascun giocatore nell’ultima gara disputata, senza rinunciare a qualche giudizio sui vertici societari.

CORATO CALCIO – MOLFETTA CALCIO: 1-0

LEGGENDA (Voto 10): Quando ero bimbo ricordo che per mio padre Presidente, era tradizione far preparare il thè dalla mamma di Ciccio Gallo, tra il dovere e la scaramanzia, perché li c’era la miscela vincente, che scattava tra il 1° e 2° tempo, unto al fantomatico rito della forbice dietro la porta di Mest Mngucc Gallo, per esorcizzare l’avversario.

CASTELLETTI (Voto 7+): Sarà curioso a questo punto, chiedere al mister coratino, quali tipi di infusi, al limite del doping, adoperi per dare lo scossone ogni volta ai suoi, anche se il carattere del suo guru, la squadra l’aveva mostrato già prima.

DIAGNE’ (Voto 7,5): È merito della sua danza della pioggia, se il Corato ha rispedito il Milfetta a casa a mani vuote. Se la Scavolini è la più amata dagli italiani, lui sta entrando sempre più nel cuore dei coratini, per generosità e qualità.

ALTARES (Voto 7): Tra lui ed il suo collega di reparto, di fatto non fa passare un filo d’aria. È anche se vogliamo il 1° centrocampista, da cui parte la 1° azione.

ZINETTI (Voto 7): Da alcune giornate è entrato di diritto nel club di quelli di cui non si può più fare a meno. Domenica a centrocampo dall’inizio, corsa duttilità, prova 2 conclusioni dalla distanza, serve Sguera nell’azione del penalty. Un vero jolly.

COLANGIONE (Voto 7): Conferma di essere la diga difensiva, senza che straripi una goccia. Fa diventare piccolo piccolo Albrizio, che non è nano ne ciuccio, costringendolo ad una giornata di vacanza.
COTELLO (Voto 7): Nello scorcio di partita in cui giica, vivacizza ancor più la fase offensiva, procurando alcuni dei tantissimi corners, da uno dei quali nasce la rete vincente.
BELLUOCCIO (Voto 7): Ormai nel coro di questa grande banda, la sua è un’ex voce bianca, non fa più una stecca nella fase difensiva e migliora anche quella propositiva.
SGUERA (Voto 7-): E’ il classico Pierino guastafeste. Si vede che ha tanta voglia di recuperare quanto abbia perso nella 1° parte di campionato. Ma a volte la paga con un tantino di precipitazione, da non essere lucidissimo. Sull’impegno, nulla da eccepire.
CIRIGLIANO (Voto 7-): Il lucano incarna il suo popolo, silenzioso e laborioso lavoratore. Non è molto incisivo nell’offendere, ma come tutti si da un gran da fare scoiattolando tra i boschi, di qua e di là.
PIARULLI (Voto 7-): Inizia con un paio di buoni spunti, è costretto a commettere un fallo da ammonizione, più giusto 10 metri prima, che lo condiziona un tantino. “Misses next”, salta la prossima per la 5^ infrazione, l’occasione per lui per riposare, essendo lunico a non aver saltato una gara.
ASSELTI R. (Voto 7-): Una gara senza infamia e senza lode, in cui come sempre è una spina nel fianco avversario, con le doti di 400ista, ma non produce col suo piede sinistro la solita quantità di cross.
D’ADDATO (Voto 7-): Diligente nel suo ruolo, da un discreto contributo alla causa della vittoria. È anche un test di riscaldamento in vista dell’impegno di Aradeo.
 NEGRO (Voto 6,5): Nel Fantacalcio un rigore fallito conta -3, compensato da +1 come assist. Non usiamo le stesse proporzioni, ma come in altre occasioni per coerente “par condicio”, lo penalizziamo un tantino, pur riprendendosi la squadra sulle spalle, con qualche errore dovuto al fare. Chi non fa non sbaglia.
LEUCI (Voto 6,5): Vedo lui e vedo un portiere anni 70′, Albertosi in primis, quando questo ruolo era ricoperto dal coraggioso e spericolato, bravo per questo, oltre che abile con le donne. Ma a volte pecca di eccesso di confidenza e spavalderia, come domenica che rischiava di fare la frittata all’ultimo istante.

 

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami