Le barche di S. Maria navigano nel cielo di Corato

Le foto delle barche: l'antica e tipica tradizione del nostro paese si rinnova anche quest’anno lanciando messaggi di pace, speranza e solidarietà

Di solito le barche ondeggiano nell’acqua del mare, a Corato, invece, da tradizione, per la Festa dell’Assunzione di Maria Vergine, colorano il cielo regalando meraviglia e gioia a piccoli e grandi che passeggiando per il centro storico sollevano lo sguardo dalle incombenze quotidiane.

La tradizione della Barca di Santa Maria, tipica del nostro paese, si rinnova anche quest’anno: da ieri mattina le barche partecipanti al concorso promosso instancabilmente dalla Pro Loco Quadratum navigano tra via Roma e piazza Sedile.

Sono 10, ma non sono le uniche a fluttuare. Ad esse si affianca una maestosa barca fuori concorso all’angolo tra via Roma e via Duomo, alcune barche delle scorse edizioni esposte in via San Benedetto e tante altre di diverse dimensioni disseminate per le vie della città.

Sono le barche, assieme ai lampioncini, ad allietare la Festa dell’Assunzione, coincidente con il Ferragosto, testimoniando la devozione mariana della città.

La spiegazione del simbolo della barca è riconducibile all’albero maestro della struttura della barca, che formato da due pezzi di canna perpendicolari tra loro formano una croce, simbolo del Cristianesimo, o al ruolo della Madonna come traghettatrice di anime verso Dio.

Ma a prescindere dal motivo di questa tradizione, ogni anno puntualmente la tradizione della Barca di Santa Maria lancia messaggi di pace, speranza e solidarietà in un mondo sempre più distratto da brutture e per questo bisognoso di bellezza.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami