L’AIC: «Corato disastrosa. Si intervenga o..non ci resta che piangere»

«Alcuni mesi fa ci eravamo illusi che la gestione commissariale avrebbe garantito l’ordinaria amministrazione, come pure era stato pubblicamente garantito ma, allo stato attuale, non possiamo affermare che ciò stia avvenendo» scrivono dall'Associazione Imprenditori Corato

L'AIC: «Corato disastrosa. Si intervenga o..non ci resta che piangere»
L'AIC: «Corato disastrosa. Si intervenga o..non ci resta che piangere»

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta dell’AIC, Associazione Imprenditori di Corato riguardo alle sorti della nostra città, a loro avviso in uno stato di abbandono:

Ebbene sì, è questa l’amara conclusione alla quale siamo pervenuti vedendo la nostra cara Città sprofondare in un’inarrestabile situazione di abbandono.

A tal riguardo riportiamo integralmente quanto indicato in un nostro appello di un anno fa:

“Con il presente comunicato l’A.I.C. rivolge un appello a tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale affinché nelle loro azioni e decisioni tengano presente solo l’interesse della cittadinanza evitando rancori reciproci, sfide personali e calcoli politico-elettorali, soprattutto se legati a interessi particolari.

L’A.I.C. responsabilmente ritiene che congedare in questo momento l’attuale Amministrazione non comporterebbe alcun vantaggio per la ns. amata Corato, ché anzi avrebbe l’effetto di sospendere la conclusione di iter amministrativi che aspettiamo da diversi anni….”

Il nostro appello, purtroppo, non fu accolto, anzi fu frainteso e quello che sta succedendo lo dimostra ampiamente.

Alcuni mesi fa ci eravamo illusi che la Gestione Commissariale avrebbe garantito l’ordinaria amministrazione, come pure era stato pubblicamente garantito ma, allo stato attuale, non possiamo affermare che ciò stia avvenendo.

A novembre del 2018, nell’incontro con il Commissario Prefettizio Dott.ssa Rossana Riflesso, chiedemmo informazioni e interventi in merito alle seguenti tematiche:

  • Programma delle opere pubbliche da eseguire nella zona industriale per il completamento delle infrastrutture e per l’ordinaria manutenzione di quelle esistenti;
  • Applicazione del nuovo regolamento edilizio;
  • Stato dell’arte del nuovo PUG (piano urbanistico generale);
  • Funzionamento del sistema di videosorveglianza installato nella zona industriale;
  • Applicazione delle tasse comunali TARI, IMU e TASI.

La Dott.ssa Riflesso, molto gentilmente, assicurò che avrebbe esaminato le questioni evidenziate e ci avrebbe fatto conoscere i possibili interventi. Ad oggi, invece, nessuna risposta, silenzio tombale assoluto.

Il 9 gennaio u.s. inviammo al Commissario prefettizio una nuova richiesta evidenziando i disservizi che gli operatori economici stanno riscontrando nel funzionamento del SUAP (Sportello Unico delle Attività Produttive) presso il quale giacciono da diverso tempo numerose pratiche in attesa di definizione. Ad oggi, anche per questa, nessuna risposta.

Ora ci chiediamo: ma è legittimo che i cittadini di Corato chiedano a voce alta che sia garantita almeno L’ORDINARIA AMMINISTRAZIONE della città?

Corato versa in una situazione generale disastrosa. Tanto per fare un esempio: le buche nelle strade lasciate dalla scorsa Amministrazione sono diventate delle voragini che determinano continue richieste di risarcimento danni da parte dei cittadini danneggiati. Dal Comune ci hanno riferito che i lavori sono stati già appaltati ma, non ci risulta che tali lavori riguarderanno la sistemazione della viabilità della Zona Industriale.

Ci risulta, tra l’altro, che sono nella disponibilità del Comune fin dal 2017 importanti finanziamenti già stanziati dalla Città Metropolitana di Bari e riguardanti interventi da effettuare nel centro urbano della città e nell’area della Zona Industriale. Tali finanziamenti, riguardanti soprattutto l’implementazione del sistema di videosorveglianza, sono ora a rischio di annullamento, per decadenza dei termini, se non si procede tempestivamente all’affidamento dei lavori.

Non eseguire questi interventi sarebbe un grave danno per la città in un momento in cui si registrano frequenti rapine e minacce subite sia dagli imprenditori, sia a danno di chi opera con le imprese di Corato. In alcuni casi si sono registrate vere e proprie rapine con sequestri di persona ed altri atti criminali compiuti all’interno delle residenze sparse nella zona extra urbana di Corato.

In conclusione l’A.I.C., per scongiurare tali rischi, è disponibile a collaborare con gli uffici preposti del Comune, mettendo a disposizione le infrastrutture delle proprie aziende. Tale disponibilità è riferita, per accelerare i tempi di esecuzione, alla installazione dei pali con relativa alimentazione elettrica occorrenti per il fissaggio delle telecamere.

Le norme dei decreti sicurezza varati dagli ultimi Governi del Paese favoriscono la collaborazione tra privati cittadini, imprese ed Enti pubblici. In quest’ottica si pone la nostra disponibilità a collaborare fattivamente con il Comune di Corato, anche nell’ottica di agevolare il mantenimento dei livelli occupazionali e di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Pertanto, con voce decisa chiediamo di intervenire… altrimenti ancora una volta “NON CI RESTA CHE PIANGERE”.

 

 

 

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami