La Pro Loco presenta la 50esima edizione de Il Pendio

Novità di questa edizione è l’istituzione di due nuove sezioni: una dedicata alla grafica e l’altra all’illustrazione, che si aggiungeranno alla storica sezione pittorica

La Pro Loco presenta la 50esima edizione de Il Pendio
La Pro Loco presenta la 50esima edizione de Il Pendio

Presso la Sala Verde del Comune, la Pro Loco Quadratum ha donato all’amministrazione comunale le due opere collettive della precedente edizione della manifestazione artistica “Il Pendio”, mostra d’arte riservata ai giovani artisti del Mezzogiorno, giunta ormai alla sua 50esima edizione.

«Il Pendio rappresenta il ritorno della cultura artistica nella città di Corato – ricorda l’assessore comunale alla cultura Claudia Lerro – in un periodo segnato dalle gravi conseguenze della guerra».

Le due opere donate, “Contadini al lavoro”, di Renato Guttuso, e del “Riposo di contadini”, del pugliese Domenico Cantatore, appartengono alla sezione delle opere collettive, categoria ideata dal Prof. Luigi Pomarico che ha deciso di far convergere le sensibilità di tutti gli artisti partecipanti in due opere aventi come tema la cultura contadina.

Ad accogliere le opere è stato il primo cittadino, Massimo Mazzilli, che, dopo aver ringraziato la Pro Loco per l’impegno e il lavoro svolto, si è soffermato sulla storia della manifestazione e sul luogo in cui veniva inizialmente allestita: «Il Pendio, durante le diverse edizioni, ha ridato vita al centro storico, luogo allora abbandonato» ha dichiarato il sindaco.

A introdurre l’evento è stato il presidente della Pro Loco Quadratum, Gerardo Strippoli, che ha definito la mostra come «occasione unica per gli artisti per mostrare il proprio talento».

La nuova grafica, moderna e innovativa, è stata curata dalla Società Cooperativa Spore, in particolare dal designer Ivan Abbattista, che ha elaborato un logotipo che richiama la pendenza del luogo che ha ispirato la mostra, il Pendio Brisighella.

Ulteriore novità di questa edizione è l’istituzione di due nuove sezioni, introdotte dal Dott. Domenico Paganelli, membro del direttivo: una dedicata alla grafica e l’altra all’illustrazione, che si aggiungeranno alla storica sezione pittorica.

Presenti all’evento i sindaci che si sono avvicendati alla guida del paese in quest’ultimo mezzo secolo e anche due dei vincitori delle precedenti edizioni, il Professor Luigi Basile e la Professoressa Maria Luisa Cialdella, che hanno ricordato il Prof. Leone, ideatore del concorso, considerato un’avanguardia negli anni’60.

Quest’anno la mostra Il Pendio si terrà presso piazza Abbazia dal 22 al 27 agosto. Per partecipare è necessario consegnare le opere destinate al concorso entro le ore 12 del 2 luglio.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami