La Corato FuoriSede si racconta alla città

Storie di emigrazione vecchie e nuove si sono incrociate nell'incontro promosso dal gruppo politico “Rimettiamo in moto la città”

La Corato FuoriSede si racconta alla città

Serata delle grandi occasioni in via San Benedetto, 24. Un incontro inedito in cui si è ritrovata la “Corato fuori sede”: tantissime persone di Corato ma che risiedono altrove per motivi di studio o di lavoro si sono incontrate nel salone del gruppo politico che ha lanciato l’appello “Rimettiamo in moto la città”.

Nel cuore delle vacanze natalizie, incontrare tante concittadine e tanti concittadini fuorisede, presenti in questi giorni in città, per trascorrere le festività insieme ai propri cari, si è tradotto in una bella serata di riflessione a più voci sullo stato di salute della vita politica locale, all’insegna di un clima di festa segnato dalla bellezza del ritrovarsi e poter raccontare le proprie differenti esperienze.

La serata è stata introdotta e conclusa dalla voce dall’attrice Sara Fiore che ha declamato un testo di Cesare Pavese e un testo di Chiara dello Iacovo.

Storie di emigrazione vecchie e nuove si sono incrociate sin da subito: il dibattito è stato aperto con gli auguri al Centro Italo Venezolano, in occasione del suo 50° anniversario di vita, con l’intervento della presidente Rosanna Agatino e con un commovente monologo sulla migrazione italo venezolana recitato da Lorena Farucci.

La parola, quindi, è passata ai componenti dei “gruppi milanese e torinese” di Rimettiamo in moto la città formatisi in occasione dell’incontro promosso da Corrado De Benedittis l’11 novembre a Milano e il 9 dicembre a Torino, tra cui Valentina Vangi, Krizia Masciavè, Annalisa Mangione, Miriam Mercante, Simone Grosso.

Da subito, però, il dibattito ha coinvolto l’assemblea, tra cui Giancarlo Sarcina, Michele Varesano, Aldo Quatela, Leandro D’Introno e molte altre persone presenti. Ci si è resi subito conto che in sala si era veramente in tanti e tante, provenienti da ogni parte d’Italia e da tante parti del mondo.

Si è aperta una discussione serratissima e condivisa sulla necessità di cambiare il “motore” politico di Corato per “rimettere in moto la città”, definendo un metodo nuovo segnato da rigore etico, vision ben chiara che abbia un’idea della città e che al contempo sappia tradurla in obiettivi concreti, da raggiungere attraverso una pragmatica individuazione degli strumenti operativi.

Nel suo intervento, al centro della serata, Corrado De Benedittis ha affermato la necessità che le istituzioni comunali non ignorino chi, in silenzio, va via: dover lasciare la città per assenza di prospettive lavorative e culturali è una sconfitta politica, sociale ed economica molto pesante di cui si dovrebbe prendere atto.

Corato, secondo Corrado De Benedittis, ha i connotati di una città, sul piano della complessità e vivacità sociale, ma sul piano politico istituzionale è ferma a una gestione paternalistica e paesana che le impedisce di strutturarsi in modo più grande all’altezza dei tempi e della sua stessa comunità civile.

Intervento conclusivo affidato all’architetto Giuseppe Dell’Aquila che vivendo “sospeso” tra due mondi lavorativi: Corato e Torino, dall’alto dell’aeroplano, che settimanalmente deve prendere, vede Corato ricca di potenzialità, ma terribilmente frammentata, anche sul versante associativo, a detrimento della possibilità di fare sistema e di puntare ad una più alta qualità della proposta culturale, funzionale alla crescita complessiva della città.

Scambio finale di auguri con spumante, dolci natalizi e panettone, con l’impegno di lavorare in sinergia con chi sta fuori, alla definizione di un programma che dia a Corato il futuro che si merita e una nuova classe politica.

 

 

 

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami