Ivan Carrer campione regionale a Ruvo di Puglia

Assegnati a Ruvo i titoli giovanili di ciclismo con l'organizzazione impeccabile dell'Avis Bike

Ivan Carrer vince il Campionato Regionale esordienti a Ruvo

C’erano tutte le giovani promesse del ciclismo meridionale ieri a Ruvo di Puglia per la gara simbolo di tutta la stagione giovanile, ovvero quella che ha assegnato il titolo del campionato regionale, requisito necessario per la convocazione diretta ai campionati italiani che si svolgeranno in Trentino in estate.

Ad organizzarla sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana, con l’impeccabile precisione che ne contraddistingue la sua storia, l’Avis Bike Ruvo, guidata da Giacomo Brucoli e Stefano Rutigliani. Con partenza e arrivo in piazza Libertà, nei pressi dell’ospedale, i 150 giovani ciclisti (dai 12 ai 16 anni) hanno percorso un circuito misto di 15 km, disegnato prima sulle vie secondarie verso Bisceglie e poi, al ritorno, sulle strade provinciali verso Corato Ruvo. Particolarmente degni di nota, per la difficoltà tecnica, gli ultimi 300 metri in salita: uno strappo con punte al 17%. Starter d’eccezione il pluricampione paraolimpico Luca Mazzone, che vive e si allena a Ruvo di Puglia.

Gli Allievi in gara per il titolo regionale a Ruvo di Puglia

I più piccoli, gli esordienti (13 e 14 anni), hanno percorso due giri per un totale di 31 km. Gli allievi (15-16 anni), invece, ne hanno fatti 5 per 76 km totali. Da segnalare la presenza del forte caldo estivo, che ha condizionato in modo particolare l’ultima metà della prima corsa.

Dal punto di vista agonistico, tuttavia, anche dinanzi a un percorso tecnico o al meteo inclemente, il reale tasso di difficoltà della corsa è dettato dai ciclisti stessi. Così è stato anche a Ruvo, due gare dense di tattica e caratterizzate da una media oraria elevata.

Atleti sulla SP 85 chiusa al traffico in lotta per il titolo regionale
Atleti sulla SP 85 chiusa al traffico in lotta per il titolo regionale

Tra gli esordienti la corsa è stata blindata in gruppo dal primo all’ultimo metro: si è conclusa infatti in volata e se la sono giocati due campioni italiani del ciclocross: Ivan Carrer (team Eurobike) ha infatti rimontato allo sprint Anthony Montrone (Andria Bike), esultando sul traguardo per la conquista del titolo regionale “esordienti secondo anno”. Festa anche in casa andriese, con Montrone che nonostante il secondo posto porta a casa la maglia dedicata agli “esordienti 1° anno”.

La gara regina di giornata, quella destinata agli allievi, ha offerto spettacolo sin da subito. Hanno provato ad andare in fuga in tanti, tra i quali Ettore Loconsolo di Bisceglie, tricolore in carica del ciclocross. Nessuno dei tentativi è riuscito tuttavia a prendere il largo, così che anche questa gara si è conclusa in volata. Di un gruppo ristretto, tuttavia, a causa di una caduta generale a 2 km dall’arrivo che ha smembrato il plotone. Due ragazzi hanno avuto bisogno dell’intervento dei sanitari. Un’altra caduta di gruppo aveva caratterizzato la fine del primo giro, a dimostrazione della forte tensione che ha caratterizzato tutta la corsa.

I neo vincitori del titolo regionale

A vincere, meritatamente, sul traguardo Armando Lettiero (Ciccio stellato team Balzano) in volata su Gaetano Salvemini (Ciclo team Laerte Matera) e Raffaele Trapani (ASD Guarenna). Titolo regionale al molfettese Salvemini.

Si è dimostrata una garanzia la macchina organizzatrice messa in piedi dall’Avis Bike Ruvo, che ha posto in cima alle priorità la sicurezza dei giovani atleti, proponendo un circuito interamente chiuso al traffico e con un nutrito gruppo di volontari a presidio degli incroci salienti. Un test già superato in occasione delle precedenti edizioni della gara amatoriale “Memorial Di Franco” e che aveva garantito alla città di Ruvo l‘assegnazione di questa importante tappa regionale. Ha collaborato il team Eurobike di Corato, con i consigli del campione italiano Maurizio Carrer.

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami