Informagiovani Corato si sposta nel borgo antico

Lo sportello, che si trova in via Arco Ripoli, ha l'obiettivo di essere punto d'incontro tra giovani, scuole e aziende

Lo sportello Informagiovani di Corato
Lo sportello Informagiovani di Corato

Alla presenza di cittadini e politici è stato inaugurato lo sportello Informagiovani Corato, con sede in via Arco Ripoli 2.

Lo hanno annunciato in conferenza stampa presso la Sala Verde del Comune il sindaco Massimo Mazzilli e Simone Mongelli, rappresentante dell’Associazione Programma Sviluppo che, forte della sua esperienza maturata in altre città (come Martina Franca) ne gestirà i servizi: orientamento per il mercato del lavoro, opportunità di lavoro (servizi per le pari opportunità), corsi di formazione, scuola, università e master; sportello universitario, borse di studio in Italia ed all’estero; volontariato e mobilità internazionale; servizi per lo start-up di nuove imprese; sportello scambi interculturali.

«Presso l’Informagiovani comunale – ha dichiarato Mongelli – operatori esperti e consulenti qualificati saranno in grado di aiutare i cittadini a cogliere al meglio le opportunità presenti, anche attraverso colloqui individuali e momenti seminariali, del tutto gratuiti per i partecipanti. Il centro offrirà inoltre, materiali informativi aggiornati e bacheche tematiche da consultare in piena autonomia. Servizi necessari affinché i giovani non disperdano energia per raggiungere gli obiettivi che si sono prefissati, ma anche utili per segnalare loro innumerevoli opportunità; strumenti per acquisire competenze in funzione di migliori prospettive occupazionali, come i tirocini formativi aziendali per i quali vengono riconosciuti 450 euro mensili o come i progetti legati alla lotta alla disoccupazione giovanile, promossi da Garanzia Giovani».

«La sede si sposta da un luogo semiperiferico, come l’extramurale, in pieno centro cittadino – ha spiegato il primo cittadino – in modo da riportarvi vita attiva anche nelle ore diurne. Siamo certi che calamiterà l’attenzione dei giovani e diventerà per loro un interessante ed utile punto di riferimento. Duplice l’obiettivo: far interagire le attività del Gal – che riprenderanno a breve, e sono di chiara matrice rurale legata all’imprenditoria agricola – con il mondo giovanile, ma pure aprire un dialogo con l’AIC – Associazione Imprenditori Coratini e Confagricoltura. Auspichiamo diventi dunque un collettore di interessi diversi. È un presidio piccolo ma accogliente, dotato di ogni necessità. I locali, di proprietà comunale, sono stati ristrutturati con fondi pubblici PRS Puglia 2007-2013 dall’amministrazione precedente, mentre per la sua gestione l’attuale amministrazione ha investito 17.500 euro annui. Ovviamente siamo aperti a stimoli e suggerimenti integrativi ai servizi implementati da parte di tutti. Intendiamo stabilire relazioni costanti con istituzioni scolastiche ed aziende perché ogni iniziativa ha successo solo se viene adottata dalla città».

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami