Il mondo dello sport si ribella: vogliamo l’Assessore

La Giunta esiste solo sulla carta ma si fanno già sentire le critiche alla sua -eventuale- composizione

Lo sport. presentazione corato (6)
Nico Como e i rappresentanti delle società giovanili coratine

Non ci sta Nico Como, Presidente della Polisportiva San Gerardo e da sempre osservatore interno e animatore delle vicende che riguardano lo sport cittadino: la sua protesta dà voce alle tante realtà sportive presenti a Corato.

“Se il buongiorno si vede dal mattino, la giornata si presenta già nebulosa –scrive Como-. La pubblicazione delle nomine Assessorili da parte del Sindaco Pasquale D’Introno, le ho viste e riviste più volte pensando di sbagliarmi. Non mi  soffermo né sui criteri né sulle eventuali conseguenze politiche che la scelta può sviluppare, né tanto meno nel giudicare persone tutte rispettabili. Ma alla 4^ rilettura, con somma delusione, ho dovuto rassegnarmi al fatto che non c’è la delega per lo Sport, né da sola, né accanto ad altri incarichi.

Non è una novità per Corato che, prima dell’Amministrazione Mazzilli, con la delega a Gaetano Nesta, era stata orfana dell’assessore allo Sport. Eppure, le promesse in campagna elettorale facevano pensare il contrario, perché c’era la sensazione che per la prima volta, quel settore, che a Corato e sottolineo, solo a Corato nel nostro territorio, è stato per decenni la Cenerentola amministrativa, si fosse conquistato l’accensione dei riflettori, quantomeno per i tanti problemi venuti a galla, innanzitutto Stadio e Palazzetto.

Ma “pensavamo positivo” anche per la spinta che si sentiva da parte della popolazione e delle sue cresciute esigenze oltre che dei media che avevano posto specifiche domande ai 9 candidati Sindaco. E la delusione oggi è un sentimento condiviso da più componenti sportive, dirigenti, tifosi o semplici praticanti, che scommesso sulla valorizzazione dello Sport da parte del nuovo Sindaco, chiunque fosse risultato eletto.

Certo, c’è sempre la delega al Consigliere e penso che gli impegni presi dal 1° cittadino per Stadio e Palazzetto non potranno essere disattesi e verranno gestiti direttamente dal ‘Sindaco di Tutti’. Ma sinceramente ci aspettavamo un segnale vero per lo Sport, che di fatto non c’è stato”.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami