Il M5S chiede un’ordinanza contro i botti di Capodanno

ll Meetup Movimento Corato 232 rilancia la proposta al Commisario Prefettizio di "eliminare l'uso di fuochi artificiali e mortaretti in occasione delle festività" come hanno fatto altri Comuni

Il M5S chiede un'ordinanza contro i botti di Capodanno
Il M5S chiede un'ordinanza contro i botti di Capodanno

Il Meetup Movimento Corato 232 aderenti al M5S rilancia la proposta al Commisario Prefettizio di “eliminare l’uso di fuochi artificiali e mortaretti in occasione delle festività” come hanno fatto altri Comuni.

«È purtroppo ancora molto diffusa la consuetudine di festeggiare il nuovo anno con prodotti pirotecnici di ogni genere che, oltre a provocare una serie di conseguenze per la quiete pubblica, la sicurezza e l’incolumità delle persone, spesso sono causa di atti vandalici» si legge nella nota del Meetup 232.

«Questi giochi pirotecnici, spesso illegali e venduti sottobanco, fanno in Italia vittime da bollettino di guerra, centinaia di feriti ed anche morti. Il problema è più grave di quanto si pensi in quanto arrivano dalla Cina nuovi “botti” sempre più potenti e pericolosi che potrebbero trasformarsi in arma soprattutto in mano a minori.

I motivi che ne sconsigliano l’uso sono molteplici: ogni anno i botti di Capodanno fanno mediamente raddoppiare le polveri sottili, evidenziando come la qualità degli inquinanti prodotti negli scoppi, presenti nelle polveri sottili, sia particolarmente nociva, contenendo valori non trascurabili di potassio, stronzio, bario, magnesio, alluminio, zolfo, titanio, manganese, rame, cromo e piombo. Nella fase di emergenza smog, sarebbe auspicabile eliminare tutte le fonti di incremento delle concentrazioni degli inquinanti in atmosfera.

Altre considerazioni riguardano la pubblica sicurezza (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza n.773, aggiornato al 31/3/2003) e i ben noti incidenti causati dai botti che regolarmente funestano le festività natalizie.

Ribadiamo l’appello che condividiamo e sosteniamo in modo che arrivi forte e chiaro ai destinatari il messaggio delle famiglie di ragazzi con autismo. La paura dello scoppio di petardi e razzetti di vario tipo è da sempre un motivo di angoscia per lui e la famiglia, all’approssimarsi della sera dell’ultimo giorno dell’anno siamo costretti ad allontanarci dal paese per rifugiarci in qualche zona di campagna isolata, lontana da festeggiamenti e rumori vari di fuochi d’artificio. Ciò che per noi è divertimento per loro è un incomprensibile turbinio di stridenti rumori che provocano molta paura.

Infine, la richiesta che si leva sempre più unanime di attenzione e rispetto verso gli animali, i quali, dotati di un apparato uditivo molto più sensibile di quello umano e spaventati dai forti rumori, sono indotti a reazioni istintive incontrollate, come gettarsi nel vuoto dai terrazzi, strozzarsi nel tentativo di divincolarsi dalla catena, scavalcare recinzioni e fuggire in strada mettendo in serio pericolo la propria incolumità e quella degli altri e può condurli anche alla morte.

Sebbene gli usi e i costumi possano essere fonti del diritto, occorre che le istituzioni, ove possibile, scelgano che cosa mantenere delle tradizioni che investono la sfera pubblica, e che cosa abbandonare o trasformare, analizzandone i contenuti.

La morale, il diritto, l’empatia per le sofferenze altrui hanno posto fin da tempo a spettacoli pubblici violenti o offensivi nei confronti di esseri umani e non umani.  Nessuna manifestazione può oggi prescindere dal rispetto dei diritti e della dignità degli esseri umani, così come dei non umani, definiti ‘esseri senzienti’ nell’articolo 13 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (T.F.U.). Né potrebbe essere considerata culturale o tantomeno legale qualora comportasse anche indirettamente maltrattamenti, lesioni, o uccisioni.

Esistono dei fuochi artificiali altrettanto attraenti che non producono i fastidiosi botti che sfruttano la moderna tecnologia scegliendo sistemi all’avanguardia, quali fontane, fuochi d’artificio o droni luminosi che illuminano silenziosamente il cielo ma che possono suscitare un effetto pari, se non superiore, ai rumorosi fuochi tradizionali; oppure i fuochi artificiali composti da giochi di luci e musiche che vanno al ritmo dei fuochi producendo uno spettacolo “piromusicale” che non disturba gli animali ed è piacevole da vedere.

Chiediamo pertanto al Commissario Prefettizio di provvedere con urgenza a garantire sia la tutela del supremo bene della salute sancito dall’art.b32 della Costituzione della Repubblica Italiana, sia il benessere dei nostri amici animali, domestici o selvatici, che il 31 dicembre hanno ben poco da festeggiare.

Un piccolo sacrificio in attesa del nuovo anno dovrebbe essere del tutto tollerabile e, prima di tutto, un gesto di rispetto e di civiltà.

In questo caso l’emanazione di un’ordinanza è un atto di responsabilità per tutelare l’incolumità pubblica, di sensibilità verso gli animali, domestici e non, e garantisce di preservare tutto il territorio da spiacevoli conseguenze» concludono dal Meetup 232.

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami