Il Giovedì Santo e i tradizionali “SEPOLCRI”

0
1
SEPOLCRI 1Non indifferente, anche quest’anno, è stata la grande affluenza di fedeli, in tutte le parrocchie coratine, che hanno partecipato alle celebrazioni della Coena Domini del Giovedì Santo. Un appuntamento che si rinnova ogni anno, anche con il rito della lavanda dei piedi, un gesto di umiltà, di carità, di generosa accoglienza del Cristo che sta per essere immolato per liberarci dalla schiavitù del peccato.
 
Il riverbero dei lumi e le cromie dei fiori hanno intriso di patos gli altari della reposizione, i cosiddetti “sepolcri”, in cui è custodita l’Eucarestia, dono supremo che Gesù ha lasciato ai suoi Apostoli e a tutti noi, alla vigilia della sua Passione.
Una notte piena di preghiera, devozione, profondo silenzio e meditazione, quella del Giovedì Santo, che ha raccolto i fedeli coratini, nelle varie Chiese, per l’Adorazione Eucaristica protrattasi fino a mezzanotte. Un clima di raccoglimento che rimanda alla notte della veglia di Gesù nell’orto del Getsemani, mentre Maria che attende trepidamente ed invano il ritorno di Suo figlio, si accinge ad iniziare la sua ricerca per le vie del paese.
[ngg_images source=”galleries” container_ids=”260″ override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”120″ thumbnail_height=”90″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”1″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails”]

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz