Il Chidro

alt

http://vimeo.com/35558139

Il Chidro è il fiume più importante del Salento, dopo il fiume Ostone che scorre nell’intero territorio di Lizzano per la lunghezza complessiva di 10 km, e si trova nei pressi di San Pietro in Bevagna.

Il Chidro è un tipico corso d’acqua alimentato da acque di falda.

Forma tre specchi d’acqua e sfocia nel mare nel tratto costiero antistante il territorio di Manduria.

Al Chidro si riallacciano varie leggende e tradizioni popolari. Si narra anche che San Pietro mentre si raccoglieva in penitenza attraversò il Chidro piangendo della sua grande colpa: aver tradito Gesù e le sue lacrime si sarebbero trasformate in delle conchiglie. Gli antichi abitanti di queste zone erano soliti raccogliere e conservare come reliquie le “lacrime di S. Pietro” .  La sua importanza è sicuramente riconosciuta dalle oasi naturalistiche di cui fa parte. La biodiversità è una caratteristica molto importante anche per le specie migratorie che attraversano la provincia orientale di Taranto.Una perla naturalistica incastonata nel nostro territorio.
Un corso d’acqua limpidissima scorre in mezzo alla natura frastagliata da canne e flora fluviale. Il canto degli uccelli e lo svolazzamento di uccelli simili alla quaglietta rendono magico questo luogo.
In immersione poi lo spettacolo che si presenta è incredibile: un autentico acquario sottomarino. Un prato verde di alghe pulitissime che arrivano fino al pelo dell’acqua. Si innalzano dal fondo come se fossero degli alberi di un’antica foresta inondata. Si fa fatica a smettere di sorprendersi.

Infatti raggiunto il primo cono rovesciato o meglio la conca principale del fiume, si passa dalla foresta immersa ad una zona completamente priva di vegetazione: il fondale è roccioso. Non ci sono piante. Sembra un paesaggio lunare. Scendendo alla profondità massima, ovvero 12 metri, e osservando dal basso verso l’alto si nota la limpidezza e la trasparenza dell’acqua, tale da permettere di ammirare uno scenario da favola con Anguille e Cefalotti che sono i protagonisti di questo bellissimo posto.

Rimanendo sul fondo si nota come l’acqua sgorga dappertutto e in tutte le direzioni. Si possono osservare fenomeni sorgivi davvero stupefacenti. Da non perdere il ribollire della sabbia dei vari “citri” e l’effetto “neve” generato dalla sabbia sollevata dalla furia dell’acqua che sgorga dalle viscere della terra. Il fenomeno più singolare rimane l’enorme getto d’acqua che fuoriesce impetuoso dalla sorgente principale situata a 12 metri di profondità. La pressione è così forte che risulta difficoltoso avvicinarsi.

Insomma il Chidro è un posto davvero speciale, sia dal punto di vista subacqueo e sopratutto dal punto di vista naturalistico considerando le varie biodiversità che si possono trovare sia in acqua che tra la fitta vegetazione che lo circonda. Un posto che non smette mai di incantare e stancare ogni volta che lo si visita.

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz