Gjekë Marinaj ospite della Libreria Secopstore

A Corato, Lunedì, 9 settembre, alle ore 19.30, presso la libreria SECOP

Con il tema “Il potere della poesia”, alla libreria Secopstore si torna “a parlare della parola alata, in una serata/confronto sull’importanza della poesia che sa opporsi alla parola negata del non dialogo e di ogni forma di ristrettezza mentale, in uno scambio di reciprocità culturale tra  poeti e scrittori”, spiega Peppino Piacente titolare della SECOP Edizioni. 
La serata vedrà la partecipazione straordinaria, per la prima volta in Italia, di Gjekë Marinaj, grande poeta americano.
“Sulla scia dei Grandi Poeti come Lorca, Neruda, Hikmet, Majakovskij, Pasolini, solo per citarne alcuni, che hanno lasciato alla poesia il compito arduo dell’impegno civile, possiamo rintracciare l’importanza del dibattito che affronteremo nell’incontro di lunedì. Sulla scia luminosa della loro fede nella parola che può cambiare il mondo, può fermare una guerra, può capovolgere una dittatura, far cambiare un punto di vista; che può sostenere un’idea, un bisogno, un sentimento, una verità o una ragione, lì proprio lì, in quel solco, si colloca il grande poeta contemporaneo che avremo l’onore di ospitare a Corato, Lunedì, 9 settembre, alle ore 19,30, in libreria”, informa ancora Peppino Piacente. 
L’ospite d’onore, ci ha spiegato, è un poeta, critico letterario, giornalista, editore, studioso e traduttore, di origini albanesi, conosciuto e stimato in tutto il mondo per aver fondato la Teoria del Protonismo in America, dove vive ed opera. Marinaj insegna, infatti, Inglese e  Scienze delle Comunicazioni, presso il Richland College di Dallas. Marinaj è attualmente direttore della “Mundus Artium Press” e contributore della “Mundus Artium”, rivista di arte e letteratura internazionale. Vive con sua moglie Dusita nella città di Richardson, Texas.

Le sue opere sono state tradotte e pubblicate in più di dodici lingue. La sua prima raccolta di poesie in italiano è stata pubblicata dalla SECOP Edizioni, con la traduzione del professor Giovanni Romano e la prefazione della poetessa Angela De Leo.
La serata sarà un’occasione per incontrarlo, per conoscere le sue poesie, ma è soprattutto l’opportunità di conoscere un poeta rivoluzionario.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami