Per il gioco d’azzardo si spende fino ai 2mila euro l’anno

Nel barese ogni residente spende in media fra i mille e i 2mila euro all'anno.La spesa in Puglia, nel 2016, per tutti i giochi terrestri, Videolottery, Awp, Lotto, Superenalotto, Gratta e Vinci e Scommesse, è stata pari a 1.089.000.000 euro

Per il gioco d'azzardo si spende fino ai 2mila euro l'anno
Per il gioco d'azzardo si spende fino ai 2mila euro l'anno

Il 15 dicembre scorso il quotidiano laRepubblica.it ha reso disponibile un interessante lavoro d’inchiesta dal titolo “L’Italia delle slot”, condotto dai quotidiani locali Gedi e del Visual Lab in collaborazione con Dataninja, il quale raccoglie tutti i dati sulla diffusione del gioco d’azzardo nel nostro Paese.

Incrociando i dati di popolazione (Istat), reddito (Mef) e raccolta gioco (Aams), è stato creato un database ricercabile per Comune ed a consultazione gratuita, che mostra dove e quanto si gioca negli oltre 7mila comuni d’Italia.

Top 5 Regioni – Fonte Infografica: Giochidislots.com

Dall’inchiesta è emerso che la Puglia compare tra le regioni in cui si gioca di più, insieme alla Lombardia, in testa alla classifica, il Lazio, il Veneto, l’Emilia-Romagna, la Campania, il Piemonte, la Toscana, la Sicilia e la Liguria.                                                                                                                                                                                                          La spesa per il gioco d’azzardo nella nostra regione, riferita al 2016, per tutti i giochi terrestri, Videolottery, Awp, Lotto, Superenalotto, Gratta e Vinci e Scommesse, è stata pari a 1.089.000.000 euro.

I Comuni pugliesi in cui si effettuano più giocate alle slot machine e alle videolottery risultano essere Bari, Lecce e Trani. Considerando i dati riferiti invece alla nostra provincia è emerso che i cittadini baresi spendono mediamente da mille a duemila euro a testa alle slot machine e alle videolottery. Sono in particolari i residenti nel Sud-Est barese a detenere il primato delle giocate alle macchinette.

Nel 2016 nei 41 comuni del territorio sono stati spesi ben 825milioni 13mila euro in giocate alle 6.823 macchinette presenti nelle sale scommesse, nei bar e nelle tabaccherie. Il Barese, rappresenta uno dei territori nazionali con la più elevata disponibilità di punti gioco (5,48 macchinette ogni 1.000 abitanti) e si gioca tantissimo in particolare nel Sud-Est.

Bari, con 257,46 milioni di euro (573 pro-capite), guida la classifica dei 41 comuni che nel 2016 hanno giocato di più su slot e videolottery; sul podio al secondo posto, Monopoli (52 milioni 58mila euro; 1.072 per ogni abitante) seguito da Casamassima (51,70 milioni; 2.605 per abitante). Il primato del capoluogo di regione è relazionato alla maggiore disponibilità di macchinette presenti sul territorio (1.498 quelle legalmente dichiarate, cioè 4,6 ogni 1.000 abitanti) e alla presenza di porto, aeroporto, stazione centrale e centri commerciali.

Casamassima (11 slot machine ogni 1.000 abitanti) e Monopoli (9,6) occupano i primi posti nella classifica delle città che nella provincia di Bari hanno registrato la più alta spesa pro-capite in giocate: Casamassima (2.602), Sammichele di Bari (1.792 gli euro spesi da ciascuno dei 6mila 499 abitanti), Putignano (1.342), Monopoli (1.072). Il primato dei comuni più virtuosi spetta a Poggiorsini dove sono stati spesi solo 150 per ogni abitante nelle 7 macchinette dislocate sul piccolo centro murgiano che conta 1.486 residenti.

Comune di Corato – Fonte Infografica: Repubblica.it

Di seguito la classifica completa della spesa in giocate. Bari 257,46 milioni di euro; Monopoli 52,58; Casamassima 51,70; Altamura 40,48; Molfetta 38,32; Putignano 35,93; Corato 28,17; Gioia del Colle 22,18; Modugno 20,23; Terlizzi 18,99; Bitonto 18,50; Triggiano 16,48; Gravina di Puglia 15,82; Ruvo di Puglia 15,80; Castellana Grotte 14,65; Noci 14,09; Santeramo in Colle 13,98; Noicattaro 12,74; Sammichele di Bari 11,65; Locorotondo 11,53; Conversano 11,23; Mola di Bari 10,90; Acquaviva delle Fonti 10,02; Giovinazzo 9,52; Polignano a Mare 8,83; Turi 8,01; Rutigliano 6,51; Grumo Appula 6,37; Palo del Colle 5,41; Adelfia 5,25; Cassano delle Murge 4,84; Capurso 4,81; Alberobello 4,54; Sannicandro di Bari 4,26; Valenzano 3,07; Bitetto 2,96; Bitritto 2,61; Toritto 2,08; Binetto 1,78. Sotto il milione i piccoli comuni di Cellamare (532mila e 28 euro) e Poggiorsini (223mila 57).

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami