Gerardo Strippoli premiato per la sua poesia “Percè?”

“Sono particolarmente orgoglioso – dichiara Strippoli – di questo ulteriore e inaspettato premio sia per il testo che affronta il delicato tema della droga, sia per il fine del premio“Ambasciatore del sorriso”, dedicato al grande Eduardo De Filippo"

Gerardo Strippoli premiato per la sua poesia
Gerardo Strippoli premiato per la sua poesia "Percè?"

Tra i premiati della V edizione del prestigioso premio “Ambasciatore del sorriso”, dedicato al grande Eduardo De Filippo, anche un coratino: Gerardo Giuseppe Strippoli con la poesia “Percè?”.

Concentrandosi sul grave problema della droga tra i giovani, il poeta coratino appassionato di vernacolo nonché presidente della Pro Loco Quadratum di Corato, domenica nella suggestiva location del Maschio Angioino di Napoli, ha ritirato il riconoscimento realizzato dal maestro d’arte presepiale Marco Ferrigno, alla presenza del sindaco Luigi De Magistris.

Gerardo Strippoli premiato per la sua poesia "Percè?"Il premio, fondato dall’artista poliedrico Angelo Iannelli, organizzato dall’associazione Vesuvius in collaborazione con il Comune di Napoli Assessorato Cultura e Turismo, è stato fortemente voluto dal sindaco De Magistris e dall’assessore Nino Daniele. Nata con la motivazione di donare un sorriso ai meno fortunati attraverso ogni forma d’arte, la kermesse si avvale di importantissimi patrocini morali.
Nel corso della manifestazione si è svolta la premiazione di un concorso poetico letterario ed artistico e quella degli artisti, operatori culturali e della comunicazione che si siano particolarmente distinti per il loro impegno sociale e culturale. Tra i poeti anche il coratino Strippoli.

Ad essere premiati su giudizio di una commissione giudicatrice costituita da Teresa Anna Iannelli, Loredana Cudazzo, Angelo Iannelli, Carmine Crimaldi e Felice Marotta molti volti noti e nomi altisonanti.

Tra questi Gigi Savoia per il teatro, Ivan Granatino e Diego Moreno per la musica, Luca Abete per la televisione, Cosimo Alberti per Soap e Fiction, Alfonso De Nicola medico sportivo Calcio Napoli per lo sport e medicina, Livio Varriale scrittore e giornalista, Nunzia Amato per la bellezza che rappresenterà l’Italia alla finale di Miss Mondo, il Generale di B. Diodato Abagnara (accompagnato dalla Fanfara dei Bersaglieri 8 reggimento di Caserta) per l’amore alla patria e al sociale, e il prete anticamorra don Luigi Merola per la Chiesa.

Sono particolarmente orgoglioso – dichiara Strippoli – di questo ulteriore e inaspettato premio sia per la particolarità del testo di “Percè?” che affronta il delicato tema della droga, sia per il fine della manifestazione rivolto ai meno fortunati, sia per la memoria del grande Eduardo De Filippo”.

Percè?

Na dì ca pe fàtte mì sciàie camenènne

vàite ‘nànze a mìche ne uagnàune cadènne.

All’addèrte quàse nan z’ammandenàie,

‘mbàcce alla fràbbeche azzeppàie,

stàie ne pìcche pe petèrse repegghià,

po’ menàie du pàsse e accumenzàie a ondeggià.

Penzìebbe “cùsse o stè ‘mbriàche o nan ze sènde,

na càuse è cèrte, stè cungiàte malamènde”.

Quànne accòste fù o gràde de ne magazzìne,

se scettò ‘ndèrre, vràzze apèrte, alla sebbìne,

re d’òcchiere terciùte, all’àrie veltàte,

biànghe ‘mbàcce, respìre affannàte.

“Povrìedde le sèrve aiùte” me decìebbe

e chiàne chiàne m’avvecenìebbe.

“Uagliò..uagliò, c’è seccìesse, ce sìnde recapetàte?”.

Mèndre deciàie acchessì le dìebbe na scutuàte,

“fàtte le ‘mbìcce tu, vattìnne, ce t’è ‘mbetàte?

Stòche bùone” , deciàie pe la vòcca ‘mbastàte.

Capescìebbe allòre ca nu àlte èrre u malànne,

dròghe ‘ngùorpe tenàie, la màmme de tùtte le dànne.

Decìebbe allòre “uagliò, percè fè chèsse?

Sìnde ‘nzìste e fòrte e te fè pegghià pe fèsse!

Vìte ci è bèlle u mùnne c’àme avùte,

percè giòvene giòvene vu speccià ìnde o tavùte?”.

Na me facì speccià de parlà ca già chiangiàie

“nan pòzze, nan’arrièsce ad’assì” deciàie.

Ad’alzàrse allòre u aitìebbe,

me facì pène, fòrte u abbrazzìebbe

“tu fa na càuse, ògne vòlte addemànnete ced’è?.

Dàtte sùle la respòste…è la mòrte..e dì percè?”.

            Dialetto pugliese di Corato (Bari)

 

  Perchè?

Un giorno che per fatti miei camminavo,

vedo davanti a me un ragazzo cadente.

In piedi quasi non si reggeva,

contro il muro andava ad urtare,

stava un po’ per potersi riprendere,

poi faceva due passi e cominciava ad ondeggiare.

Pensai “questo o è ubriaco o non sta bene,

una cosa è certa, è conciato malamente”.

Quando vicino fu ad un gradino di un magazzino,

si buttò a terra, braccia aperte, in posizione supina,

gli occhi storti, in aria voltati,

bianco in faccia, respiro affannato.

“Poverino, gli serve aiuto”, mi dissi

e piano piano mi avvicinai.

“Ragazzo, ragazzo, cosa è successo, che ti è capitato?”

Mentre dicevo così gli detti una scossa.

“Fatti gli impicci tuoi, vattene, chi ti ha invitato?

Stò bene” disse con la bocca impastata.

Capii allora che un altro era il malanno,

droga in corpo aveva, la madre di tutti i danni.

Dissi allora “ragazzo perchè fai questo?

Sei sveglio e forte e ti fai prendere per fesso!

Vedi com’è bello il mondo che abbiamo avuto,

perché giovane giovane vuoi finire nella bara?”

Non mi fece finire di parlare che già piangeva.

“Non posso, non riesco ad uscirne” diceva.

A sollevarsi allora lo aiutai,

mi fece pena, forte lo abbracciai.

“Tu fai una cosa, ogni volta chiediti cos’é,

datti da solo la risposta..è la morte..e dici perchè?”.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami