Gennaro Semeraro, nuovo vicario della Questura di Taranto

Il coratino dott. Semeraro, dopo numerosi incarichi fuori, è contento e orgoglioso di essere tornato nella sua terra d'origine

Gennaro Semeraro nuovo vicario della Questura di Taranto
Gennaro Semeraro nuovo vicario della Questura di Taranto

Da qualche giorno il coratino dott. Gennaro Semeraro è diventato il nuovo Vicario della Questura di Taranto, prendendo il posto del dott. Angelo Tedeschi andato in quiescenza .

Nato nel 1961 a Canosa di Puglia, solo per una serie di fortuite circostanze, ma cresciuto e formatosi a Corato, il dott. Semeraro, figlio di poliziotto, è un coratino doc.

Dopo aver conseguito nel 1980 la maturità classica presso il Liceo “A. Oriani”, si è laureato in Giurisprudenza frequentando l’Università degli studi di Bari, si è sposato a Corato dove risiede con la sua famiglia.

Al termine del 74^ corso di formazione professionale per Funzionari, numerosi e prestigiosi sono stati gli incarichi ricoperti fuori dalla Puglia: il 6 agosto del 1989 fu assegnato alla Questura di Varese come Funzionario addetto all’Ufficio di Gabinetto, poi Vice Dirigente della DIGOS e dirigente dell’Ufficio del Personale; nel 1992 fu  trasferito al Commissariato di Siderno, (RC) come Vice Dirigente e nel 1996 sempre nella provincia reggina ha diretto il Commissariato di Cittanova diventando poi Vice Dirigente di quello di Gioia Tauro.

Solo nel 2001 è tornato nella sua regione assumendo l’incarico di Funzionario responsabile presso la Squadra Mobile della Questura di Bari da dove un anno dopo, nel 2002, è ripartito per la dirigenza della Squadra Mobile di Siracusa.

Promosso Primo Dirigente nel 2010 ha assunto l’incarico di Dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Caltanissetta e nello stesso anno è stato trasferito a Reggio Calabria diventando dirigente della locale Squadra Mobile (incarico del quale LO STRADONE diede notizia).

All’inizio del 2015 è stato destinato allo Servizio Centrale Operativo della P.S. di
Roma e nell’aprile dello stesso anno è diventato Ufficiale di collegamento presso la Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni mafiose, anche straniere.

Ora, dal 1° luglio, è tornato in Puglia divenendo il numero due della Questura di Taranto.

«Contento e orgoglioso di essere di nuovo nella mia terra d’origine per l’espletamento delle mie funzioni, con l’impegno e la passione, come ogni poliziotto che si rispetti, di mettermi al servizio dei cittadini e della loro sicurezza», ha affermato il dott. Semeraro.

 

 

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami