Gelata olivicola 2018: frantoi chiusi e braccia conserte

Se ne parlerà domani, venerdì 30 novembre, a Corato nella biblioteca comunale, a partire dalle 18.30, alla presenza dei Portavoce del Movimento 5 Stelle Angela Bruna Piarulli (Senato), Francesca Galizia (Camera dei Deputati), Giuseppe L’Abbate (Regione Puglia) e Cristian Casili

Gelata olivicola 2018: frantoi chiusi e braccia conserte
Gelata olivicola 2018: frantoi chiusi e braccia conserte

Per Italia Olivicola le perdite produttive in Puglia, Calabria e Sicilia, a causa della gelata, sarebbero del 90% e le giornate di lavoro perse oltre un milione. Si tratterebbe di una tra le peggiori campagne olivicole della storia della nostra regione.

Di questo si parlerà domani, venerdì 30 novembre, alla presenza dei Portavoce del Movimento 5 Stelle Angela Bruna Piarulli (Senato), Francesca Galizia (Camera dei Deputati), Giuseppe L’Abbate (Regione Puglia) e Cristian Casili, a Corato presso la Biblioteca Comunale in Largo Plebiscito n. 21, dalle ore 18:30.

Per Coldiretti la gelata “ha spaccato la corteccia, bruciato le gemme e spogliato dalle foglie almeno 25 milioni di piante di ulivo, dalla Puglia all’Abruzzo sino al Lazio e ha anche distrutto gli ortaggi in campo e provocato perdite consistenti nelle piante da frutto, con danni che potrebbero raggiungere i 300 milioni di euro su decine di migliaia di imprese agricole”.

Con la gelata del 2018 non solo è andato perduto il raccolto di olive dell’anno in corso, ma in molti casi sarà necessario sostituire le piante e ci vorranno anni prima che si torni a produrre.

Nel 2018 è stato perfino superato il bilancio negativo anticipato dalle pre­visioni Ismea, diffuse all’inizio di ottobre, di un crollo della produzione di olio del 58%. Infatti, in Puglia le perdite, per olive e olio, hanno toccato il 65%.

Il settore oleario, nell’annata 2018, perderà 638 milioni di valore economico, un taglio netto del reddito delle aziende olivicole che hanno combattuto ad armi impari le frequenti e violente ondate di maltempo con i conseguenti attacchi di mosca olearia. In Puglia la Plv (produzione lorda vendibile) del settore olivicolo-oleario è pari al 20% della totale Plv agricola e il settore partecipa alla composizione del prodotto interno lordo dell’intera ricchezza regionale per il 3%.

Il colpo assestato dal maltempo è stato devastante. Gli effetti sono devastanti per l’economia e il lavoro di migliaia di famiglie, è tutto fermo, non c’è lavoro perché manca la materia prima di base.

Le tre regioni maggiormente colpite dalla crisi produttiva assorbono il 47% della manodopera a tempo determinato dell’intera agricoltura nazionale, essendo aree agricole ad alta vocazione ortofrutticola ed olivicola, settori questi caratterizzati da una elevata concentrazione temporale dei fabbisogni di lavoro.

 

Lascia un commento

Lasciaci il tuo parere!

avatar
  Subscribe  
Notificami